giovedì 28 dicembre 2017

Annus Horribilis

Post di fine.
Anno.

Edvard Munch L'urlo



Giusto un saluto.

A quest'anno che vivaddìo tra due giorni finisce.
A livello razionale nulla cambia, ovvio che una data sul calendario vale l'altra, ma simbolicamente - o meglio in via del tutto illusoria - farò finta che si chiuda un ciclo.
E che se ne apra un altro un po' meno orribile.
.
Beast eats sun, pennarello + acquarelli su moleskine
.
Durante il merdoso anno che sta per finire, che qualche diavolo se lo porti via al più presto, ho subìto la scomparsa improvvisa di due persone che amavo molto, che amo molto; con una di esse in particolare il legame era davvero molto profondo.
Detto molto semplicemente: non riesco ancora a "farmene una ragione". Sono passati i mesi ma io continuo a stare male. E loro continuano a non esserci più, nonostante tutte le mie lacrime.
.
Questi due lutti hanno abbondantemente coperto, direi sommerso, qualsiasi cosa positiva sia eventualmente capitata durante l'anno che sta per finire. 
Tutto ciò che c'è di buono è stato coperto da una pesantissima cappa di tristezza. Solo l'amore di mio marito, e il mio amore per lui, mi ha tenuto a malapena a galla. Insieme a quelle tre meravigliose piccole persone pelose che scorrazzano per la casa, regalandoci momenti di gioia impagabili, preziosi, che salvano la vita.
.
Per favore, se non ami gli animali, cambia blog, non venire più qui, levati di torno, vai a fare comunella da qualche altra parte, non salutarmi, toglimi dagli "amici". Non mi interessa "rispettare le opinioni" di chi non ama gli animali. Non amare gli animali non è un'opinione. Semplicemente, chi non li ama è incapace di qualsiasi tipo di amore. Quindi sciò, via, chiudete la porta e non fatevi più vedere. 
.
Angelo, pennarello su carta da fotocopie
.
Durante questo orribile anno ho scoperto che una morte ne porta sempre con sé altre, la morte fa emergere altre morti cui non si pensava quasi più, o per le quali, per mere cause temporali, ce ne si era "fatta una ragione".
.
Le morti di M. e di R. mi hanno fatto pensare a tutte le persone che in qualche modo hanno attraversato la mia vita e che mi sono unilateralmente state portate via. 
.
Le morti di R. e di M. mi hanno fatto pensare, ma sul serio e non come quelle frasi scopiazzate dai biscotti della fortuna che appestano instagram, che è il caso di far sapere alle persone che amo che le amo davvero. 
Allo stesso modo, in forma meno potente ma altrettanto ferma, ho capito che il tempo di vita che mi resta non intendo sprecarlo con persone che non amo e/o che non mi piacciono, nemmeno cinque minuti, nemmeno due minuti (tranne le occasioni in cui sono costretto: lavoro, coda dal medico, supermercato, mezzi pubblici...).
.
Micili in the sky with diamond, pennarello e pastelli a cera su moleskine
.
Il mio umore e il mio dolore mi hanno impedito di seguire molte cose con la dovuta attenzione, tra cui i blog delle persone amiche, i fumetti e chissà cos'altro. Ho trovato un po' di pace nella lettura di libri e nelle coccole dei Quattro Amori che vivono con me.
E nella visione, ammetto ossessiva, di vecchie serie tv come E.R. e Buffy l'Ammazzavampiri e Medium.
E, incredibilmente, nel lavoro. Ho lavorato e sto lavorando come mai nella vita, duramente e molto, cercando di fare al meglio il mio lavoro. Funziona.
.
Questo blog, naturalmente, è stato quasi l'ultimo dei miei pensieri e le poche cose scritte in questi mesi sono state il frutto di una fatica immane. Non farò i soliti discorsi di "pausa" o "chiusura temporanea"; il blog è qui, non lo chiudo, resta qui, quando mi verrà voglia di scriverci lo farò, i fumetti li leggo ancora - anche se non col ritmo di un tempo - e sicuramente ogni tanto mi verrà voglia di scrivere qualche parere su di essi.
.
Psicotico, pennarello su carta da cucina
.
Stiamo cambiando casa, andiamo in una casa migliore e più grande e sebbene la cosa sia in sé molto, molto positiva si sa che il trasloco è una delle principali cause di stress. Lo sto fortemente sperimentando di persona. Così come è tornata in auge nella mia vita la parola "psicosomatico/a". Evviva.
.
Comunque, a differenza della morte, a tutti i traslochi c'è rimedio e quindi, seppure  sono stressatissimo tra contratti, anticipi, cauzioni, luci & gas e soprattutto centinaia di scatoloni di fumetti, libri e cd da riempire (e siamo in notevole ritardo...) e strumenti musicali da imballare, so che entro qualche mese sarò felicissimo della nuova casa. 
Nuova casa, nuova vita.
.
Il nuovo padrone di casa è una delle persone più gentili e dolci che abbiamo mai conosciuto e "sentiamo" che non nasconde sorprese, così come non ne nascondiamo noi: siamo proprio delle brave persone e abbiamo cura delle cose, e delle case, e attualmente la cosa più trasgressiva che facciamo è pagare con due o tre giorni di ritardo qualche bolletta della luce (ma succede raramente).
.
La nostra oramai quasi ex-padrona di casa ci ha detto, commossa, che non troverà più due inquilini bravi e simpatici come noi. A costo di sembrare presuntuoso, dico che ha dannatamente ragione.
.
Speed Demon (1992), pennarello su carta da fotocopie

.
E un'altra cosa.
Per la prima volta nella mia vita - ognun* ha i suoi tempi - non mi frega nulla di cosa gli altri pensino di me, di quello che faccio, che dico e che penso. 
.
E sembrerebbero anche finiti i sensi di inferiorità o inadeguatezza perché da piccolo non ho studiato il greco antico o perché non parlo il mandarino come seconda lingua. Quel poco che ho e che sono l'ho costruito da solo e, francamente, vale tanto quanto le università pagate da mammà.
.
Anche questo, non so di preciso il perché, è dovuto alla morte di due persone care e al conseguente dolore. E' come se il dolore mi avesse fatto capire con la delicatezza di una montagna che mi è crollata addosso cosa conta davvero nella vita. E no, non sono i titoli di studio o le lingue parlate, finalmente l'ho capito. 
Meglio tardi che mai.
Meglio che l'abbia capito mentre sono ancora vivo.
.
Vaffanculo duemiladiciassette. A mai più rivederti.
.
Prete alieno, pennarello su foglietto
.