martedì 28 giugno 2016

Battiti...

BATTITI
.
Un programma di Pino Saulo con Ghighi Di Paola, Giovanna Scandale, Antonia Tessitore
.
Tutte le notti dalle 0.00 alle 1.30 su Radio 3 o in podcast
 .
.

Già: per una volta non parlerò di fumetti.
Nell'attesa che mi venga qualcosa di non troppo scemo da scrivere su Spider-Gwen (scritto che giace appena abbozzato da giorni e giorni sul mio pc), oggi voglio parlarvi di un programma radiofonico che per me ha un significato molto importante.
.
Di più: con le righe che seguono tenterò di convincervi - arriverò a supplicarvi, se devo - a dare almeno un ascolto al miglior programma radiofonico di sempre.
Un programma che non esito a dire che mi ha salvato la vita.
Musicalmente parlando, per lo meno.
.
Ho conosciuto Battiti per caso alcuni anni fa, in una delle mie numerosissime notti insonni. Ora, per fortuna, non è più necessario restare svegli/e fino alle 1.30 per godere della miglior trasmissione radiofonica al mondo: sul sito del programma si possono ascoltare le puntate senza problemi di orario.
.
.
Di cosa si occupa Battiti?
Quando cerco di descriverla ad amici/che e conoscenti, e m'infervoro per cercare di comunicare almeno un po' del mio entusiasmo, dico che Battiti si occupa di musica non mainstream oppure ancora di musica non convenzionale. Non so se la mia "definizione" sia corretta o meno, ma è quella che mi è venuta in mente più spesso sino ad oggi.
.
Personalmente per musica non-mainstream o musica non convenzionale intendo quella musica, meglio: quelle musiche, di cui difficilmente si parla su giornali e riviste che non siano (altamente) specializzati, per le quali non è facile trovare blog o articoli di divulgazione "di massa" e ancor più difficilmente sono musiche che entrano in classifica.
.
Perché? Forse perché si tratta di musiche non-di-consumo, ossia di musiche che, indipendentemente dal "genere", richiedono una certa attenzione - e forse anche un certo grado di coinvolgimento - da parte di chi ascolta. 
Per la maggior parte delle volte Battiti tratta, e fa ascoltare, musiche che io chiamo non propriamente consolatorie [1], spesso vengono definite (non certo da chi fa e conduce Battiti) musiche "difficili". Un po' come l'arte contemporanea...
.
.
Ma proprio come l'arte contemporanea - secondo me - sono musiche che in realtà possono essere fruite da tutti senza bisogno di chissà quale retroterra culturale o apertura mentale o, peggio che mai, "specializzazione". Io credo che, fondamentalmente, l'arte spiega se stessa e basta a se stessa. Certo, se conosco i retroterra, i meccanismi, se storicizzo e contestualizzo, se acquisisco gli strumenti per comprendere meglio e per confrontare e blablabla, tutto quel che volete sì ok, è meglio. Ma anche senza tutto ciò posso fruire e godere di un quadro, una musica, un'opera letteraria o architettonica facendomene travolgere, entrandoci e facendomene coinvolgere su più piani e livelli.
.
Quando ho visto per la prima volta opere di Picasso, non mi sono piaciute. Ma non ho avuto bisogno di studiare Picasso per amarlo: evidentemente un bel giorno la mia mente si è stufata di gabbie e schemi e della solita minestra e ho guardato Picasso senza cercare cose note e conosciute (appunto, consolatorie) e mi è piaciuto. 
.
Picasso, o La Monte Young o una poesia surrealista o un film sperimentale, non hanno bisogno - secondo me - di "essere spiegati". Se poi, per conto mio, sentirò la necessità di approfondire a livello teorico, tanto meglio! Arricchirò la mia cultura e forse potrò comprendere meglio determinate espressioni artistico-creative.
.
.
Io di jazz non ne so niente, ho giusto ascoltato qualcosa di importante (Coltrane, Davis, Monk, Mingus e poco altro; un po' di free-jazz perché ai miei tempi nella Nuova Sinistra andava molto quella musica). Così come non so (quasi) nulla di musiche che non siano strettamente collegate al Rock.
.
Ciò non toglie che ascoltando Battiti, anche quando fa quelle (rare) puntate tutto-jazz-casinaro (sono quelle che mi mettono più a dura prova...), io riesca a godere di musiche che non rientrano nelle mie conoscenze e/o abitudini - che anzi normalmente avrei definito astruse o quantomeno strane - e sento letteralmente la mia mente aprirsi, espandersi, entrare dentro schemi-non-schemi sconosciuti e stimolanti, immergersi in mondi "pericolosi" ed eccitanti, seguire tessiture elettriche abbaglianti, balsamo neuronale, esperienze fortificanti, quasi fisiche...
.
Tutto questo, a mio parere, solo perché Battiti mi guida in modo molto dolce e nient'affatto autoritario permettendomi di lasciar andare le mie pre-costruzioni mentali, i miei pregiudizi musicali. Ad ogni ascolto della trasmissione sono più ricco di prima e questa è una realtà, soggettiva finché volete, ma per me è pura realtà.
.
.
Non voglio dire che sia sempre facile: come accennavo prima, certe (rare) serate sono davvero difficili: gruppi di strano jazz in cui la batteria segue ritmi che io non riesco a seguire e la tromba o il sassofono si lanciano in vorticosi, e lancinanti, assolo così diversi dalle mie lineari e rassicuranti concezioni rock o "pop"... ecco, lì è dura (ma d'altrone non mi obbliga nessuno eh, se la faccenda si fa troppo ardita, passo a un'altra puntata). Eppure anche in quei casi sento i miei neuroni ringraziare: è come se quella sera avessi dato loro del cibo nuovo e forse inizialmente un po' indigesto, ma altamente nutriente!
.
Io credo - banalmente - che provare, sperimentare, non adagiarsi sugli allori, mantenere quanto possibile la mente aperta sia, semplicemente, il segreto della vita. Il giorno che smetterò di essere curioso - e per curioso intendo andare a ficcare il naso anche dove apparentemente non dovrei, dove le cose non sono consolatorie e predigerite - allora sarò morto, sia che il cuore mi batta ancora sia che non abbia più battiti.
.
.
Perché sono qui a cercare di convincervi - certamente in modo piuttosto contorto, lo ammetto... - a dare una chance a Battiti?
Beh, semplicemente, come faccio per i fumetti che amo, perché mi piace condividere il godimento, mi piace diffondere le cose belle, che io reputo belle.
.
Intendiamoci: a me piacciono i Beatles, mi piace il rock, il blues, il punk, il metal estremo, il beat italiano, Bowie, l'Equipe 84, Lucio Battisti (e un milione di altre cose normalmente non contemplate dalla programmazione di  Battiti) e non smetterò certo di amarli e di godermeli perché devo evolvermi in chissà quale stato mentale privilegiato! Non sto dicendo che siccome la musica che ascolto è obsoleta, commerciale, di massa allora devo abbandonarla.

Sto dicendo tutt'altro e cioè che proprio perché mi piace la musica, proprio perché so che a molte persone che seguono questo blog piace la musica, per questo spero che qualcuno si lasci convincere a provare un assaggio di musiche probabilmente estranee e sconosciute che potrebbero essere foriere di sconvolgenti sorprese.
.
.
Mentre scrivo sto ovviamente ascoltando una puntata di Battiti (quella del 25 Giugno, per la precisione) e sono veramente in estasi e mi sarei sentito un perfetto egoista se non avessi fatto questo forse non molto riuscito tentativo di propaganda al più bel programma radiofonico di sempre.

I conduttori e le conduttrici di Battiti sono preparati e hanno splendide, dolcissime voci (l'antitesi della sciocca aggressività radiofonica tipica delle radio commerciali) e raccontano sempre, senza dilungarsi in troppe parole, qualcosa delle musiche che vanno via via trasmettendo; lasciano spazio alla musica, alle musiche, e traspare la loro passione e la loro contagiosa curiosità [2]
.
La programmazione di Battiti comprende anche concerti dal vivo, o suonati direttamente in studio o registrati da festival o altre occasioni (sempre con qualità tecnica eccelsa), interviste, recensioni (anche di libri a tema musicale). 
.
.
Le musiche che si possono ascoltare nelle varie puntate sono moltissime: jazz, etniche, funk, sperimentali, elettroniche, noise, musica suonata con giocattoli, dub, reggae, musiche brasiliane di cui non sospettavo l'esistenza, contaminazioni rock e cento altre che non saprei neppure come descrivere.
.
La cosa che hanno in comune tutte queste musiche è... di essere Musica innanzitutto e poi di non essere facilmente ascoltate tramite i "normali" programmi rdiofonici o televisivi o radio-web. Ma la cosa che soprattutto accomuna tutte le musiche trasmesse a Battiti è la loro assoluta non-banalità, l'altissima concentrazione di creatività, la passione di chi esegue le musiche, di qualsiasi genere (o non-genere) esse siano. Una passione che, piaccia o meno ciò che si sta ascoltando, traspare da ogni suono o voce che esce dalla radio.
.
Spero che vogliate fare un tentativo!
Buoni ascolti


p.s. perché inizialmente ho detto che Battiti mi ha (musicalmente) salvato la vita? Perché l'ho scoperto in un momento in cui, per quanto la musica non abbia mai cessato di emozionarmi, ero come assuefatto a quelle emozioni... Per quanto sia sgradevole pensarlo, anche le emozioni possono diventare chiusura, abitudine, consolazione, stasi, blocco. Ecco: Battiti mi ha aiutato - e continua a farlo - a scoprire nuove, inedite emozioni e per questo lo amerò sempre!
.
.
Note:

[1]
Per musica (o arte o letteratura o cinema o quel che volete) "consolatoria" io intendo quella musica (o arte o letteratura...) che "già conosciamo", che presenta schemi e costruzioni già note, cui il nostro cervello è già abituato, che non necessita di particolare attenzione né di sforzo e che, presentandoci non-novità, anzi situazioni ed "emozioni" ben conosciute, riconosciute ed anzi abitudinarie, fa sì che ci sentiamo consolati/e, rassicurati/e. Ci trasforma cioè in consumatori/consumatrici. Idea mia eh, magari tutta sbagliata... Io però ci credo (altrimenti non starei qui a parlarne).
.
[2] Ho scritto loro più volte, o per i complimenti o per chieder loro informazioni, e sono sempre stati di una gentilezza oserei dire affettuosa. Affetto che per parte mia è pienamente ricambiato.
.






.

6 commenti:

  1. Ho idea che sia il programma per me *__* (anche per l'insonnia, via podcast XD) A me piace la musica, tutta: ascolto anche il rumorismo se ho l'umore giusto XD
    Come hai spiegato perfettamente nel post, il bello è cercare altro, procedere in altre direzioni, senza dimenticare e rinunciare alla "nostra musica", quella preferita e del cuore. Però, che meraviglia avventurarsi in territori musicali ignoti *__*
    Ciao Orlando, bella dritta questa!!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Glò... il tuo commento da senso e significato al mio scritto qui sopra :)
      Grazie infinite e grazie per la fiducia, spero che, quando avrai un po' di tempo, mi dirai cose ne pensi del programma che io adoro sopra ogni altro :D
      Posso dirlo di nuovo? Il tuo commento mi fa proprio felice!
      A prestissimo!

      p.s. la notte passata, purtroppo, è stata insonne (sto uno zombi, sto...) e quindi mi sono ascoltato Battiti in diretta - che devo dire fa sempre una bella sensazione (anche se preferirei dormire, a quell'ora...) e ho beccato una puntata interessantissima e, diciamo così, di "media difficoltà" :) Grazie ancora!

      Elimina
  2. Nei miei anni trascorsi da musicista avrebbe certo potuto attirarmi. Oggi ho perso la curiosità nei confronti delle nuove esperienze musicali... anche se sarebbe più corretto dire che ho perso curiosità nei confronti del "nuovo" in generale, a qualunque settore dell'attività umana appartenga.
    Sono sempre più confinato all'interno della musica barocca, anche se continuo ad ascoltare un po' di canzone, di rock e di jazz.
    Un paio di notti fa ho comunque fatto uno stranissimo sogno musicale in cui Frank Sinatra e Charles Mingus (ognuno per conto suo, però, e nel suo genere) mi facevano ascoltare un esempio delle loro nuove opere, prodotte nell'aldilà.
    Aveva ragione Sinatra con il suo epitaffio, a dire che il meglio doveva ancora venire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Ivano, anch'io faccio spesso, da sempre, sogni "musicali". Il primo di cui ho memoria risale a quando avevo circa 12 anni e fu un sogno a colori e di incredibile, incredibile vividezza: per dire, sentivo la ruvidità delle corde del basso - che ovviamente ancora non suonavo! - sotto i polpastrelli... In quel sogno ero dietro un palco e dovevo preparasmi ad entrare perché stava per cominciare il concerto e io ero il nuovo bassista dei... Rolling Stones! Oltre al totale panico (io non sapevo suonare il basso né tantomeno avrei potuto conoscere le parti di basso degli Stones), ricordo che ero seccatissimo perché suonavo con gli Stones e non coi miei idoli, i BEATLES! :)
      E poi nel corso della vita ci furono altri, innumerevoli sogni "a tema"; molti li ricordo, moltissimi si sono ormai persi nella mia memoria. Ma questo per dire quanto la musica mi coinvolga... persino mentre dormo! :D
      Io credo di capire bene cosa provi Ivano, peché sino a un po' di tempo fa mi trovavo nella tua situazione, o per lo meno in una simile. Proprio Battiti mi ha "guarito" (uso questo termine riferendomi a me stesso, naturalmente! Non mi permetterei mai di dare a te del "malato"!). Questo programma mi ha fatto scoprire, proprio scoprire ex-novo, che oltre la nostalgia esiste la vita, pulsano vibrazioni, battono cuori, si agitano voci e strumenti, i più disparati. E ne sono molto felice :)
      Come dicevo, nessuno mi toglierà mai i miei miti musicali, scolpiti ormai per sempre nel mio cuore. Ma ho scoperto che nella mia testa, e in parte anche nella mia anima, c'è ancora posto per nuova musica.
      Un abbraccio e a presto.

      Elimina
  3. Ammetto di non aver mai ascoltato - causa orari - Battiti, ma provo le stesse cose di cui ha parlato nel post per Sei gradi, che grazie ai suoi collegamenti mi ha fatto scoprire artisti e stili che altrimenti non avrei mai conosciuto. Mi ritrovo davvero molto nelle tue parole :)

    Devo ammettere che io provo un grande affetto per Radio3, sia per alcuni ricordi personali che la legano alla mia infanzia, sia perché sono un'ascoltatrice assidua e non sono mai rimasta delusa da un loro programma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Camilla, scusa se insisto, ma Battiti è ascoltabile a qualsiasi ora grazie al podcast :) Ieri pomeriggio mi sono ascoltato la trasmissione dell'altroieri notte e mi sa che oggi pomeriggio succederà la stessa cosa ;)
      Ovviamente, essendo io un aficionado di Radio 3 da circa 20 anni, conosco benissimo Sei gradi, trasmissione che apprezzo molto (ma che, a onor del vero, ha poco in comune con Battiti: non è facile a Sei gradi ascoltare musiche non convenzionali...) e che normalmente ascolto cucinando (o infastidendo il mio compagno che cucina ^_____^).
      Ogni tanto mi capita di ascoltare altre radio, generalmente radio "di movimento" o trasmissioni specifiche, sempre su radio "non (troppo) commerciali" comunque, ma niente da fare... dopo un po' arriva la "nostalgia" per Radio 3 e torno all'ovile come il figliol prodigo :D
      Adoro soprattutto la programmazione serale che con Radio 3 Suite offre una qualità credo difficilmente eguagliabile da qualsiasi altra emittente.
      E pensare che c'è stato un tempo (recente!) in cui se ne prospettava la chiusura...
      Ti ringrazio tanto per le tue parole e ti auguro una buona, buonissima estate!
      A presto

      Elimina