mercoledì 24 giugno 2015

Sam Zabel e la penna magica


SAM ZABEL E LA PENNA MAGICA


di Dylan Horrocks


vol. cartonato 228 pag., colore


euro 21



Bao Publishing





"Il fumettista Sam Zabel è in preda al peggior blocco creativo della sua vita. Odia le storie di supereroi che scrive. Un giorno trova un misterioso fumetto ambientato su Marte e tutto ciò che credeva  di sapere ne sarà sovvertito."
[dalla quarta di copertina - Bao Publishing]



[tutte le immagini le ho prese dal sito dell'Autore /
all images are catched from Horrock's site]


Spesso accade che chi si appassiona ai fumetti ha piacere di andare a scoprire un po' di più sui meccanismi che stanno "dietro" questo tipo di linguaggio.
Dopo un po' di frequentazione e con l'aiuto di qualche saggio o articolo trovato qui e là, si fa la conoscenza con quella cosa ambigua - e spesso detestata - chiamata "metafumetto" (o talvolta "meta-fumetto").

Questo meccanismo narrativo consiste a grandi linee in un'operazione compiuta dall'autore/autrice per far sì che chi legge abbia un attimo di difficoltà nel comprendere se sta leggendo della "realtà" o di una "realtà fittizia (narrativa)" o di una strana e straniante intersecazione tra le due cose e del conseguente piacere che ne deriva.
.

 .

Un esempio classico di metafumetto è la sequenza narrativa finale di Animal Man scritta da Grant Morrison nel 1990: chi non avesse mai letto questa run è caldamente invitat* a farlo; ne trarrà esperienze che non si vivono spesso leggendo un "semplice" fumetto!

Quando il metafumetto è usato da autori/autrici che sanno quello che fanno, può essere un espediente narrativo fantastico e godibilissimo, per merito del quale chi legge si ritrova con la pelle d'oca e magari anche con qualche lacrima che sgorga dagli occhi.


Abusarne o usarlo malamente (o anche solo troppo spesso) significa invece andarsi a "immerdare" in un pantano senza uscita dal quale lettori e lettrici scapperanno prima possibile, probabilmente per non rientrarvi mai più.
.
.
.
.
Dylan Horrocks con questa bellissima storia intitolata Sam Zabel e la penna magica compie un'operazione di scrittura che sebbene nel metafumetto ci sguazzi, non per questo diventa caotica o pretenziosa. Anzi, nonostante si stia parlando di una storia nella storia nella storia (ecc.), la sequenza degli eventi è perfettamente seguibile - e godibilissima, naturalmente - essendo questa sorta di "scatole cinesi" costruita ad arte, in modo che alla fine tutto si incastri e si risolva.

La storia, accennata nella citazione qui sopra tratta dalla quarta di copertina del volume, contiene in sé una marea di rimandi, inside jokes e citazioni più o meno nascoste che la rendono avvincente e appassionante. Ciò che non è affatto nascosto è l'amore che Horrocks prova per i comics americani della Golden Age e per la storia - a noi purtroppo sconosciuta, ma sicuramente interessante - del fumetto neozelandese.
Sam Zabel e la penna magica, parrà banale ricordarlo, è in fondo una storia d'amore, o una storia sulle storie d'amore.
.

.
E' anche una storia in cui c'è sesso, bello da vedere (e da continuare a immaginare per conto proprio), sensuale e caldo - ovviamente non è un fumetto pornografico! - e questo è un delizioso contrasto tra la timidezza di Sam Zabel - che ricordo non essere l'unico protagonista, nonostante il titolo si riferisca a lui - e lo scatenamento dei sensi mostrato da Horrocks in certe tavole. Sesso gioioso ed eccitante nel senso migliore del termine. O meglio: nel mio senso migliore del termine.

Sam Zabel - sbalzato da una "realtà" all'altra nel giro di un "soffio" - non è l'unico protagonista perché si sono anche le ragazze.
E' dunque anche un fumetto in cui le donne non hanno un ruolo subalterno: anzi viene proposto con delicatezza e umiltà un (tentativo di) superamento degli stereotipi femminili di cui il Fumetto - nel senso di tutti i fumetti - purtroppo ancora abbonda.
Lady Night, Miki, Alice Brown, la moglie di Sam e le "mogli" del Dio Re Fumettista, la Regina di Venere: protagoniste o meno che siano, hanno tutte personalità, spessore psicologico, vita.
Ho apprezzato immensamente la capacità di Horrocks di infondere vera vita alle sue creature di carta: questo aumenta il piacere della lettura, il grado di coinvolgimento e il valore della storia.
.

.
Quindi dentro questo fumetto ci sono un sacco di altri fumetti: sia quelli raccontati direttamente da Horrocks nella storia principale che altri solo accennati, ma che piantano subito semi nella mente di chi legge favorendo nuove e autonome creazioni di nuove, infinite storie, e questa a mio giudizio è la parte più stimolante e che aggiunge parecchio ulteriore valore al volume.

Una delle cose che ho sempre apprezzato nei fumetti e nella letteratura in generale è la loro benedetta mancanza di interattività [sì, la mia sensazione è che l'interattività mi "tolga" parti di immaginazione. Sarà strano, ma io l'ho sempre vissuta così. E' per questo che l'idea di "premi il pulsante e decidi tu come prosegue il film!" mi ha sempre fatto orrore.].
Amo essere uno spettatore passivo, nel senso che chi scrive ha il compito e il dovere di trasportarmi dove vuole senza che io abbia alcuna influenza nella sua decisione.
Dopodiché, naturalmente, si scatena la mia immaginazione; ma solo dopo che l'autore/l'autrice mi ha condotto per mano dove voleva condurmi. So di essere un po' nebuloso, ma per ora non mi riesce di spiegarmi meglio.
.
.
Ebbene: in Sam Zabel e la penna magica ho, invece, percepito e vissuto un certo grado di "interattività" e la sensazione non è stata per nulla spiacevole. Forse devo solo farmi un po' le ossa in questo "campo"! Non voglio dire che il racconto di Horrocks sia solo "accennato" e il resto "spetta a chi legge" o cose del genere, anzi, tutt'altro: la storia è perfettamente strutturata e non presenta alcun "buco", ma... ecco, la sensazione che il lavoro dell'autore vada a toccare cose molto, molto in profondità, come dire: "soggettive ma universali", che nonostante la prefetta struttura molto sia lasciato a chi legge, ecco tutto ciò per me è stato davvero forte (e, ribadisco, tutt'altro che spiacevole). Sono riuscito a spiegarmi? Non credo, ahimé.
.
Questo fumetto è anche, in un certo senso, un "saggio sul Fumetto", una proposta e una sperimentazione di alcune teorie, come ad esempio quella inventata, o anticipata, qualche anno fa da Scott McCloud sulla closure, che rappresenterebbe l'essenza stessa dei comics.
.

.
.... ed ora, Signore e Signori, buttate via tutte queste menate che ho scritto finora: Sam Zabel e la penna magica è un meraviglioso, incantato, avvincente fumetto di avventure, anche se....

...anche se è normale pensare ai fumetti per "categorie": spesso è comodo e, in sé, non ci vedo nulla di male, aiuta a capirsi al volo e poi magari, con calma, si entra più nello specifico, no?
Così come è normale pensare a un fumetto come "consigliabile a...", "particolarmente adatto per..." e anche qui non ci vedo niente di male, sempre tenendo conto che nessuno qui ha la verità in tasca.

Ebbene: non credo di sbagliare di molto se dico che Sam Zabel e la penna magica è una storia a fumetti che piacerà - o ha le potenzialità e i numeri per piacere - a chiunque ami i fumetti, senza distinzione di "genere" alcuno: piacerà a chi ama l'avventura, a chi i supereroi, anzi le supereroine, a chi il fumetto "colto" (...), a chi quello "d'autore" (eh sì, in effetti Dylan Horrocks è, guarda caso, un autore...) a chi quello pulp/pop, a chi ama godersi una bellissima storia, bella intricata e piena di colpi di scena e anche a chi ha piacere di riflettere su quanto ha letto o sta leggendo, a chi ama la magia.
E, sì, certo, potrebbe anche piacere per chi i fumetti li fa.
.
.

Sam Zabel e la penna magica è un fumetto pieno di cose, di un mucchio delle quali - sempre bellissime - non sono stato in grado di parlare qui, un po' anche per non guastare il piacere di scoprire autonomamente questo gioiello e di immergersi in tutto ciò che contiene. Gioia, divertimento, un po' di dolore, avventura, vita...

Infine brevi ma deliziose note dell'autore, che ci introducono e ci incuriosiscono circa la mitologia nativa neozelandese, concludono il volume.

Con ciò non voglio dire che Horrocks abbia trovato la... penna magica per accontentare tutt*. Però mi sento di dire in tutta franchezza, e con gran gioia, che questo volume è veramente "dedicato ad ognun* di noi che amiamo i fumetti" (che li amiamo tanto o poco, non importa) e che sarà molto, molto difficile non godersi questa bella storia senza entrarci un (bel) po' dentro.

...e poi questo volume è piaciuto tanto a Alison Bechdel, che ne è stata una delle prime lettrici prima ancora della pubblicazione; e questo per me significa molto.
.

Buona lettura e buon divertimento!









.

6 commenti:

  1. Molto bene, la recensione mi ha incuriosito al punto giusto! Lo metto subito in wishlist


    (ciao Orli!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valentino!!!!!! :-D
      Che piacere sentirti!
      (Dobbiamo organizzare prima o poi, diamine!)
      Il volume è bellissimo e ti piacerà, ci scommetto!!!
      Ti abbraccio fortissimo, te e la tua signora, anche da parte di Tiziano naturalmente :-)
      A presto!
      Orli

      Elimina
  2. ok, anche io sono ufficialmente incuriosita. Poi della Bao ultimamente sto prendendo davvero un sacco di roba XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la Bao sta facendo di uscire un sacco di roba interessante e mi fa molto piacere essere riuscito a incuriosirti! :-D
      Il volumazzo, cartonatissimo e di dimensioni abbastanza ragguardevoli, si lascia leggere che è un piacere (un grande piacere!) :)
      Horrocks è un autore molto amato in maniera trans-nazionale e trans-generazionale, e posso benissimo capirne i motivi.
      Infine, credo che scoprire il fumetto storico neozelandese sarebbe una cosa meravigliosa! Chissà quanti gioiellini di cui non abbiamo mai neppure lontanamente sentito parlare!!! :-)
      Grazie per il tuo commento, e a presto!
      (molto presto! ^__________^ )

      Elimina
  3. Ne avevo già sentito parlare molto bene di questo fumetto da amici e la tua recensione non ha fatto altro che confermare. Il prezzo è forse un po' altino ma queste storie metanarrative sull'amore per i fumetti mi fan impazzire. Non capirò mai l'astio provato per questa tecnica, la metanarrazione, che a me sembra del tutto infondato e inutile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Max, per una volta mi tocca non essere d'accordo con te, meglio: con una parte del tuo messaggio :)
      Guarda, se c'è al mondo uno che meno un fumetto costa e più è felice, sono io! :-D
      Eppure, credimi, quando ho preso in mano il volume di Horrocks (un mattonazzo!) e l'ho aperto e ho visto che era a colori (!) non ho potuto fare a meno di esclamare "Minchia, solo 21 euro???!" (scusa il francesismo).
      Raffrontalo con qualsiasi (qualsiasi) altra pubblicazione a fumetti in commercio e vedrai che questo volume non solo non è caro, ma anzi il suo basso prezzo si può spiegare solo con l'attuale successo di vendite della Bao, che quindi (immagino) può permettersi di far uscire tali volumi a prezzi così... diciamo se non bassi, per lo meno "poco alti" :-)
      Lungi da me "difendere" la Bao, eh, non sto facendo un discorso di "difesa"; non mi interessa assolutamente difendere un'Azienda :-D

      Per quanto riguarda il metafumetto, anch'io ho un debole per questo tipo di narrazione, lo confesso! :-)
      Indicativamente trovo interessante tutto ciò che è "meta" (metacinema, metanarrativa ecc.), ma credo davvero che possa essere un'arma a doppio taglio. Se l'autore/l'autrice non è più che in gamba, rischia di fare dei minestroni piuttosto indigesti!
      Ma non è assolutamente questo il caso di Horrocks (segue sfilza di cuoricini :-)))
      Ho linkato apposta quel blog ("Metafumetto Vaffancoolo") un po' perché lo trovo divertente, un po' perché le sue provocazioni sono spesso interessanti e un po' perché, a leggere quel blog senza paraocchi, si trovano spesso cose molto intelligenti.
      Poi, che io personalmente sia daccordo o meno con l'autore del blog, non è rilevante :-)

      Grazie di cuore per il tuo post Max!
      A presto!

      Elimina