martedì 17 marzo 2015

Tu sei la donna della mia vita, lei la donna dei miei sogni


Brito_Fazenda_cover
Tu sei la donna della mia vita,
lei la donna dei miei sogni

di Pedro Brito
e Joao Fazenda


vol. brossurato con bandelle;

104 pag., b/n e rosso

15 euro

 

MalEdizioni

 

.

“Fumetto?
Non la sopporto quella roba! Penso sia un amalgama di due arti distinte e alla fine non ne viene fuori niente di definito.
Non è letteratura, con quel linguaggio infantile che non ti riesce mai a catturare.
E graficamente è molto inferiore alla pittura o a qualunque altra espressione grafica.
E’ così… banale. Non è né carne né pesce.”

Queste qui sopra sono le sprezzanti parole di Simao, un “artista” alla moda, vezzeggiato e coccolato dalle riviste d’arte di tendenza. E’ proprio al vernissage di una sua mostra che costui esprime le sue opinioni sul nostro medium preferito.

Donna_dei_sogni_01

Non vi fate confondere: Simao non esiste, non sto parlando della realtà, ma della storia contenuta nel volume dal lunghissimo titolo - Tu sei la donna della mia vita, lei la donna dei miei sogni – di cui sono autori i portoghesi Pedro Brito e Joao Fazenda.
Può anche darsi che per alcuni (molti?) fumetti sia valida l’affermazione così tranchant e definitiva del Simao di cui sopra. Ma per il volume di cui vado a parlare no, la “definizione” di cui sopra fortunatamente non si può applicare.

Anche se questa storia non ha nessuna velleità “metafumettistica” (e un “grazie al cielo!” posso dirlo?) il fumetto comunque c’entra, è uno dei personaggi invisibili e probabilmente è anche un pretesto da parte degli autori di togliersi qualche sassolino dalle scarpe. Ma con delicatezza e dignità.

Donna_dei_sogni_02

Dirò sempre al plurale “gli autori” perché dalle informazioni presenti sul volume e sul catalogo della Casa editrice, non sono riuscito a capire bene se Pedro Brito sia lo scrittore e Joao Fazenda il disegnatore o viceversa o se c’è stata tra i due, entrambi disegnatori e illustratori, un interscambio di ruoli.

Protagonista della storia è Tomàs, uno scrittore che collabora con riviste le quali, evidentemente, non gli consentono di “pagare le bollette”; quindi, con un certo entusiasmo – e senza nessuna puzza sotto il naso, anzi! – accetta di scrivere un fumetto il cui disegnatore sarà il suo amico Marvel, un tipo miope e simpatico, probabilmente un ottimo disegnatore.

Donna_dei_sogni_03_Simao

Oltre al fatto che l’ispirazione tarda ad arrivare, la vita privata di Tomàs non è esattamente in un periodo felice: la sua stronzissima fidanzata Elsa (scusate, ma quando ci vuole, ci vuole!), “artista” in cerca non tanto d’ispirazione, quanto di idee con cui colpire la Gente Giusta, quella dei vernissage e delle riviste alla moda, e il Simao di cui sopra (l’odiatore dei fumetti).
Già così Elsa non godrebbe di certo della mia simpatia, aggiungiamo il fatto che si comporta in maniera scostante (eufemisticamente parlando) e che non perde occasione per ferire Tomàs, e avremo un quadro della situazione più completo.

Donna_dei_sogni_04

La storia del fumetto, e la storia nel fumetto, proseguono su binari paralleli e finalmente, dopo diversi guai e radicali cambi di vita da parte dei personaggi, si arriverà non tanto a una conclusione, ma a un momento, a una situazione che prelude senz’altro a una lieta conclusione che si formerà nell’immaginazione di me lettore.

…che detto così vuol dire poco, me ne rendo conto, ma voi vi renderete conto che la mia totale incapacità nei riassunti, e il terrore di spoiler che rovinerebbero la lettura, mi impediscono di far di meglio. Ma, vi prego, andate a scoprire qualcosa di più QUI, in modo che sia molto più chiaro di cosa stiamo parlando.

Donna_dei_sogni_05

Spero comunque che dalle mie parole si capisca che è un fumetto che ho apprezzato moltissimo, sia per la storia, che seppure in mezzo a comportamenti stronzi e scorretti (e in certo modo disumani) sottende una dolcezza e una tenerezza che non è comunissimo trovare oggi nei fumetti, sia per i disegni che in un evocativo e simbolico bianco-nero-e-rosso riescono a rendere l’estrema dinamicità dei sentimenti presenti nella storia, che non hanno fatto alcuna fatica ad attanagliarsi al cuore di me lettore.

Donna_dei_sogni_06

Chiunque abbia disegnato – Brito, Fazenda o entrambi – ha scelto uno stile nervoso, talvolta espressionista, in certi punti con degli accenni quasi-astratti, ma incredibilmente efficace e, per quanto mi riguarda, piacevolissimo all’occhio.
Le tavole sono divise in modo irregolare e in base alle esigenze della storia e soprattutto dei sentimenti che gli autori vogliono evocare, in un mescolamento continuo tra la vita e i desideri, tra la realtà dell’ambiente e quella del proprio cuore.

 
Non vi aspettate un qualcosa di melenso: la “melensità” è lontanissima da questa storia e quando uso termini come sentimento e tenerezza (e ci aggiungo amicizia) li intendo nel modo più vero e reale possibile, mescolati cioè al dolore, alla noia, al tradimento, all’esaltazione, alla – già detto – stronzaggine e alle reazioni, non necessariamente “corrette”, ma spesso giustissime!
Anche il sesso è molto presente nella storia, il sesso in svariate sfumature non solo sentimentali e fisiche, ma anche con scopi e dinamiche variegate, dalla rabbia alla passione, dalla disperazione all’amore.

Donna_dei_sogni_08

Anche se è una storia intensa, contiene in essa una certa lievità che la fa scorrere su binari difficili da inquadrare, ma certamente lontanissimi dalla seriosità o dal crudo “realismo”. Una lievità che invece che togliere dona invece alla storia un qualcosa in più in leggibilità e immedesimazione.

Mi piacerebbe essere in grado di dirvi qualcosa d’altro sui disegni, che così tanto mi hanno affascinato, ma sapete che in materia ho le cognizioni tecniche di un macaco addormentato, e allora pazienza: guardatevi le immagini che del tutto arbitrariamente ho scelto a corredo di queste righe, sapendo però che non ho potuto inserire le intensissime splash-page o altre immagini che, a mio giudizio, avrebbero rivelato troppo della trama.
Ma una cosa ancora voglio dirla: tanto ho apprezzato i personaggi, l’espressionismo, l’astrattismo, la scelta del bianco e nero “macchiato” di rosso, la caratterizzazione e l’espressività dei sentimenti, quanto ho adorato le raffigurazioni degli oggetti e degli esterni, per me un grande ed ulteriore punto di forza e di bellezza del volume!

Donna_dei_sogni_07


Della MalEdizioni, di questa piccola, indipendente e agguerrita Casa editrice, ho già parlato volentieri QUI e QUI per un totale di tre volumi e se la tendenza è quella di continuare a pubblicare storie non troppo convenzionali di autori (e le autrici?…) portoghesi sconosciuti o quasi in Italia e di autori italiani indipendenti e interessanti come Biro e Bonetti, credo proprio che ne parlerò molte altre volte con vero piacere.

Buone letture.

 

Orlando Furioso

 

Donna_dei_sogni_retrocover

4 commenti:

  1. Da quanto tempo! ;)
    Devo dire che graficamente questo volume non mi attira moltissimo. O meglio, alcune immagini che hai messo non mi dispiacciono, altre invece non sono molto in linea con i miei gusti :/
    L'odea dei tre colori e bella però e il titolo del volume ha stuzzicato la mia curiosità! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carissima! :))
      Davvero: da quanto tempo!
      Non ero nemmeno sicuro che ci sarebbero stati altri scritti su questo blog... E' un periodo molto particolare per me e alcuni "punti fermi" sono un po' in discussione.
      Nonostante ciò questo volume ha ri-scatenato la voglia di far sapere alle amiche e agli amici le mie emozioni a proposito di un fumetto letto. Anche pe questo gli sono particolarmente affezionato.
      Come dici tu, i disegni sono molto... particolari e capisco benissimo che possano non essere di gradimento per tutt*. La storia è però davvero molto bella (e con un finale bello e commovente!).
      Sono felicissimo del tuo commento; anzi, in questo caso specifico lo sono particolarmente! :-)
      Spero di "riprendere il giro" (anche coi commenti nei vostri blog).
      Ma sappi/ate che vi penso sempre e vi voglio bene :)
      O.

      Elimina
  2. Probabilmente non sarà mai un mio acquisto, ma devo dire che lo stile e i colori sembrano interessanti, soprattutto se scelti per tracciare una storia che tratta di sentimenti complessi.
    Mi è piaciuto molto il modo in cui ne hai parlato. Se dovessi ritrovarmelo tra le mani lo valuterò con estrema attenzione! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello trovare nuovi commenti ad articoli poco letti e poco commentati :-)
      Grazie iyan! *cuoriciottini a profusione*
      Sì, questa è una storia non particolarmente complessa (ossia molto leggibile, nel senso migliore del termine) ma che tratta di sentimenti complessi, e naturalmente molto umani.
      A me poi interessa sempre moltissimo - e sovente il risultato mi piace! - la scelta delle bi/tri-cromie: è una scelta rischiosa, perché qui in Italia siamo abituat* prevalentemente al fumetto in b/n o a colori.
      Ultimamente però vedo in giro molti volumi/albi bi/tri-cromatici e spesso la resa è molto bella!
      Grazie ancora per le tue belle parole sul mio scrittino e a presto! ;-)
      Orli

      Elimina