domenica 29 marzo 2015

L’Isola del Tesoro – Disney

isola_del_tesoro_coverL’Isola del Tesoro

di
Teresa Radice, testi,
e
Stefano Turconi, disegni

dal romanzo di Robert Louis Stevenson

su Topolino nn. 3094, 3095, 3096

 

euro 2,50 cad.

Panini Comics

.


“Ricordo di essere rimasto ipnotizzato dalla vistosa cicatrice bianco livido che gli tagliava la guancia destra, mentre si appoggiava al bancone per chiedere…”

”TE’ NERO DOPPIO NON FILTRATO CORRETTO CON ACQUARAGIA, RAGAZZO!”

isola_del_tesoro_01

Procuratevi i numeri di Topolino settimanale 3094, 3095, 3096.
Non so come funzioni la richiesta arretrati alla Panini, ma se vi siete pers* questi tre numeri chiedete all’edicolante, al vostro fumettaro, telefonate alla Casa editrice, fate quel che volete, ma procuratevi questi tre numeri.

Troppo spesso si abusa di termini come “capolavoro” (su questo blog poi, con le iperboli ci si sguazza!) eppure vi assicuro che termini come “capolavoro” e “gioiello” e ancora “speriamo che ripubblichino presto la storia in volume cartonato!” non sono esagerati in questo frangente.

isola_del_tesoro_04

Ogni cosa, compresa una bellissima storia a fumetti, ha qualche magari minimo difettuccio, giusto?
Sbagliato. Ci sono le eccezioni, visto che L’Isola del Tesoro di Teresa Radice e Stefano Turconi non ha nessun difetto, ma è pura delizia. Esagero? Leggetela e ne riparliamo.

E dire che partivo prevenuto…
Di tutte le tonnellate di “letteratura per ragazzi” (così ce la spacciavano ai miei tempi) che ho divorato da fanciullo, l’unico libro a non essermi mai piaciuto – anzi: temo di non essere mai arrivato alla fine! – è proprio L’Isola del Tesoro di Robert Louis Stevenson. (E ora fatemi pure causa)

Ma la versione disneyana che ne hanno tratto Radice e Turconi mi ha riappacificato con l’idea di questo famosissimo romanzo e può darsi che decida di dargli un’ulteriore possibilità.

isola_del_tesoro_02

Nelle storie a fumetti il rischio di “saltare qualche pagina”, o magari di sfogliarne solo velocemente le figure, è sempre presente perché può capitare, anche nelle storie migliori, che ci sia qualche “riempitivo”, qualche passaggio non particolarmente riuscito, o c’è magari una grossa concentrazione di attenzione sul protagonista mentre i personaggi di contorno sono tratteggiati appena e questo indebolisce un po’ quelle pagine “da scorrere velocemente”.

Ebbene posso affermare in tutta sicurezza che ne L’Isola del Tesoro di Teresa Radice e Stefano Turconi non c’è una sola vignetta “meno degna”, nessuna pagina da “saltare” o da leggere “un po’ più velocemente”, nessuna battuta di troppo, nessun calo.
E’ un’affermazione forte, ma della quale non ho bisogno di assumermi alcuna responsabilità in quanto è la storia stessa a comunicare tutto ciò e se al mondo c’è qualcuno a cui questa storia non piace… beh, per una volta posso proprio dire che è un problema tutto suo!

isola_del_tesoro_05

La storia, divisa in tre puntate, è composta da 93 splendide tavole  e ogni personaggio, dal protagonista Jim Topkins, un Topolino ragazzino di una tenerezza disarmante, al deuteragonista Long Pete Silver, un Gambadilegno meravigliosamente ambivalente e, finalmente, con una vera gamba-di-legno, al Dottor Livesey, un Orazio mai visto così espressivo, a tutti gli altri (compreso un redivivo Plottigat e una mai dimenticata zia Topolinda) ogni personaggio dicevo è tratteggiato con una profondità tale che la storia prende letteralmente vita sotto i nostri occhi e i personaggi diventano persone.

Per quanto mi riguarda il personaggio che preferisco, e che mi ha fatto ridere tantissimo, è il fantastico Ben Goof, un Pippo schizofrenico con una esilarante doppia personalità che lo porta a litigare continuamente con se stesso! Ben Goof è un attore cardine per la trama de L’Isola del Tesoro e date le sue caratteristiche non è un personaggio di facile gestione e il rischio che potesse diventare una mera “macchietta folle” avrebbe potuto essere grande. Se però non stessimo parlando di Teresa Radice e Stefano Turconi, un’autrice e un autore che mi sembrano completamente immuni da rischi del genere!

isola_del_tesoro_03

Indipendentemente da quale sia il mio personaggio preferito in questa storia (che resta Ben Goof – Pippo) la coppia di autori riesce infatti a caratterizzare in modo perfetto e funzionale alla storia tutti i personaggi, sia graficamente che caratterialmente rivelando, a mio modo di vedere, una passione e un amore fuori del comune per ciò che stanno scrivendo e disegnando, col risultato di produrre una storia perfetta, coinvolgente sin dalla prima vignetta, con un’alternanza di ritmi che fa sì che il mio cuore di lettore batta all’unisono con quello della storia e di tutti i personaggi, lasciandomi alla fine felice per una lettura così appagante e un po’ triste perché… perché è finita la storia.

isola_del_tesoro_07

Non avendo mai terminato la lettura del romanzo originale non so dire se e quanto questa versione de L’Isola del Tesoro sia “fedele” all’opera di Stevenson e francamente credo che la cosa non abbia alcuna importanza. Certo Radice è partita senz’altro da dell’ottimo buon materiale originale (anche se non l’ho letto, immagino che il romanzo di Stevenson sia bellissimo, no?) ma sono sicuro che abbia reso suoi (e quindi nostri) in modo unico e originale i personaggi, le ambientazioni, le atmosfere e che, insieme a Turconi, abbia raggiunto questo meraviglioso risultato per meriti esclusivamente suoi.

isola_del_tesoro_06

Facendo qualche accenno ai disegni [n.b. causa scanner “della mutua” quelli che vedete qui riprodotti hanno i colori abbastanza diversi dagli originali; sorry], essi sono così belli da sperare, come dicevo poco sopra, in una prossima edizione cartonata “di lusso”; non so se lo stesso Turconi abbia realizzato anche le chine e la colorazione: sono comunque molto, molto belle anch’esse.
Turconi, così come Radice nella sceneggiatura, ha la capacità di esprimere graficamente in modo sublime sia scene e situazioni altamente drammatiche che ironiche ed esilaranti e, come dicevo sopra, di alternare il ritmo tra esse in modo mai stancante e anzi molto coinvolgente.

isola_del_tesoro_08
Vediamo infatti, per esempio, un Jim TopkinsTopolino con fattezze tenerissime e molto kawaii sfoderare quand’è il momento il suo lato coraggioso e intrepido e assistiamo al suo sguardo che, come fosse di carne ed ossa, si trasforma sotto i nostri occhi assumendo mille espressioni che trasudano sentimenti intensi e fanno sì che la storia abbia un calore che scalda per davvero.
Di sentimenti – e situazioni - ce ne sono molti e molte nella storia: dalla voglia di avventura del giovane Jim Topkins all’amicizia intensa (e piena di soprese) con un rude ma irresistibile Long Pete Silver e inoltre complotti, tradimenti, agguati…  

E poi ancora ci sono quelle navi, l’oceano, la foresta e i paesaggi bucolici di inizio e fine storia che da soli varrebbero l’acquisto, come si suol dire.
Nelle pagine immediatamente successive al primo episodio, sul n. 3094 di Topolino, c’è un’intervista alla coppia di autori che, se ce ne fosse mai stato bisogno, ce li rende ancora più simpatici.

isola_del_tesoro_09

Erano decenni che non mi capitava di aspettare con così tanto desiderio il mercoledì, giorno di uscita del Topolino settimanale, eccezion fatta per lo spettacolare Moby Dick di Artibani, Mottura, Andolfo, il mirabolante Lo strano caso del Dottor Ratkyll e di Mister Hyde di Enna, Celoni, Andolfo o ancora l’incredibile Dracula di Bram Topker, sempre di Enna, Celoni, Andolfo. E l’attesa e il desiderio non sono stati disattesi!

(Purtroppo alla triade qui sopra non posso aggiungere il recentissimo Topolino e L’Impero Sottozero di Casty, autore che pur amo molto: ho trovato questa storia eccessiva, confusionaria, troppo piena di cose e un po’ forzatamente collegate tra loro, un minestrone che ho trovato indigesto, meravigliosi disegni a parte.)

isola_del_tesoro_10

Concludo questa mia appassionata dichiarazione d’amore dicendo che, se non fosse stato abbastanza chiaro finora, consiglio caldamente la lettura de L’Isola del Tesoro di Teresa Radice e Stefano Turconi a chiunque… proprio a chiunque, indipendentemente da età, gusti fumettistici e da eventuali pregiudizi per le produzioni targate Disney, certo come sono che nessun* si pentirà della scelta.

Buona, buonissima lettura!

 

Orlando Furioso

 

isola_del_tesoro_cover3

12 commenti:

  1. Bella segnalazione, gli darò un'occhiata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merita Marco, merita assolutamente!
      Non resterai deluso, garantito ;-)
      Ciao, a presto!
      Orlando

      Elimina
  2. Splendido! Adoro i due autori e attendo il loro volume della BAO! L'hai letto Pippo Reporter poi? E' meraviglioso. Si vede che si documentano tantissimo prima di scrivere la storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io adoro questa coppia di autori, non delude mai! :-)
      Prenderò sicuramente il volume Bao (non vedo l'ora!) e Pippo Reporter è in attesa di lettura, è lì che mi guarda... mi sa che questo pomeriggio tocca a lui! :-D
      Hai ragione: nei loro fumetti traspare sia il lavoro di documentazione che la passione e l'amore che mettono nello scrivere e nel disegnare. Mi piacciono moltissimo, riescono sempre ad emozionarmi...
      Grazie e a presto Barbara! ;-)
      Orlando

      Elimina
  3. Ehm... che dire?
    Gli autori, lusingati, ringraziano :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimi Teresa e Stefano!
      Siamo tutti e tutte noi a ringraziarvi per le belle emozioni che ci fate provare con ogni vostro lavoro :-)
      Un abbraccione!
      Orlando

      Elimina
  4. Ovviamente sei su afNews.info, oggi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille caro Gianfranco!!! :-)
      Un abbraccio grande!
      Orlando

      Elimina
  5. Ciao, sono un estimatore di Stevenson ma dell'Isola del tesoro vidi solamente il cartone animato con la sigla di Lino Toffolo.

    Mi sono perso questa saga, purtroppo... dopo essere tornato su Topolino dopo oltre 1000 numeri con la parodia di Star Trek...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho visto anch'io l'anime dell'Isola del Tesoro, molti ani fa, e ricordo che mi era piaciuto abbastanza! :)
      Guarda Gas, questa meraviglia di Radice e Turconi costa in tutto 7 euro e 50 centesimi (il costo dei tre numeri di Topolino), secondo me se sei un estimatore di Stevenson DEVI procurartela! :-D
      Ciao e a presto!
      p.s. ... a me la parodia di Star Trek non è piaciuta granché, devo confessare... pur amando molto gli autori, Bruno Enna e Andrea Freccero.

      Elimina
  6. Ciao Orlando! :)
    Io non sono un lettore di Topolino, ma pochi giorni fa ho letto "Viola Giramondo" e me ne sono innamorato! Non conoscevo questi due bravissimi autori italiani, ma adesso mi considero già un loro grande fan, e attendo con ansia un eventuale edizione deluxe di questa versione toposa de L'isola del tesoro (romanzo che ammetto di non aver mai letto). Questa tua recensione mi ha proprio incuriosito!
    Fra un pochino, dell'adorabile duo Teresa Radice e Stefano Turconi dovrebbe uscire il volume "Il porto proibito", e dalla preview sembra bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo Yue!
      Nemmeno io sono un accanito lettore del settimanale (che acquisto solo in occasione di storie particolarmente belle e interessanti), ma in questo specifico caso sono ben felice di aver acquistato il "Topo" perché mi sono goduto un vero e proprio capolavoro :-)
      Spero moltissimo in una sua riedizione di pregio, magari cartonata (anche brossurata, su pergamena o lastre di marmo rosa: va bene in qualsiasi modo! ^_____^) perché L'Isola del Tesoro di Radice e Turconi è un'opera da conservare e rileggere periodicamente!
      (Mi vedo già, vecchietto - intendo ANCORA più vecchietto di adesso!!! :-D - sulla sedia a dondolo che me la rileggo per la centottantesima volta... ) :-D
      Un abbraccione e a presto!
      Orlando

      Elimina