giovedì 8 gennaio 2015

RIGEL – ANEDONIA

Rigel_Anedonìa_Elena_de_Grimani

Rigel – Anedonìa

di Elena de’ Grimani


vol. brossurato con sovracoperta
144 pag. b/n


euro 9,90


Panini Comics

 

.


“Elena scrive e disegna in modo straordinario, meriterebbe di essere apprezzata in tutto il mondo.”

(Lillo [Pasquale Petrolo], dall’introduzione a Rigel – Anedonìa)

Rigel_Anedonìa_ElenadeGrimani_02

Rigel è tornata!

Nella prima pagina del volume autoconclusivo Rigel – Anedonìa la sua autrice Elena de’ Grimani ci regala una cosa importante e preziosa, che non ci era dovuta. Ma lei, Elena, è fatta così, un po’ come Rigel: si mette in gioco, rischia, cade, si rialza, cambia senza tradirsi né tradire.
In quel regalo che è l’introduzione c’è la chiave di lettura, o meglio una delle chiavi della sua scrittura; c’è una traccia, intensa e certo non indolore, che noi che leggiamo possiamo scegliere se seguire o meno.

Ma la vera chiave di lettura è quella personale di ognun* di noi: da chi leggerà e conoscerà Rigel per la prima volta (e ne resterà incantat*, sono pronto a scommetterci) a chi ne è fan da anni e attendeva con ansia che la vampira tornasse con una nuova storia.

Rigel_Anedonìa_ElenadeGrimani_03

Non ho grassettato a caso la parola qui sopra: “vampira”. E’ questo ciò che è Rigel. Mai però una di quelle creature sbrilluccicose e imbottite di una finta, e risibile, “drammaticità”. Rigel è sempre stata molto lontana dalla raffigurazione di un luogo comune. La sua autrice non segue le mode. Casomai le crea.

Dicevo che è questo ciò che è Rigel, una vampira… …ma Anedonìa [1] non è solo una storia di vampiri: è una profonda riflessione sul buio come elemento prevalente e permeante e sembra cambiare e mettere discussione un po’ di concetti fondamentali, tra i quali proprio “una” e “vampira”.

Dunque Rigel è tornata. E’ cambiata? Sì. No.

Elena de’ Grimani è cambiata? Io sono cambiato? Tu che stai leggendo sei cambiata/o? La risposta, anzi le due risposte, sono le medesime per chiunque, Rigel compresa.

Rigel_Anedonìa_ElenadeGrimani_04

Sto affermando che la lettura di Anedonìa non è lineare né tantomeno semplice?
Sì, è il mio piccolo, impacciato, ma sincero modo di ringraziare Elena de’ Grimani per aver scritto questo splendido volume che mi ha artigliato il cuore, tra lei e Rigel me l’hanno anzi fatto sanguinare: leggere Anedonìa mi ha commosso fino alle lacrime. E difficilmente tutto ciò può accadere con una storia semplice e lineare.

Come spesso accade in una delle tante realtà che ci si trova a dover vivere (talvolta nostro malgrado), Rigel sta vivendo più vite e la sua coscienza – circondata da una bianca ondata di neve, una neve che ha più di una profonda, drammatica valenza simbolica – ne è scossa fin dalle sue stesse fondamenta. Sì, è pur sempre una vampira con tutte le contraddizioni che l’essere immortale e costantemente bisognosa di bere sangue umano comporta. Anzi, persino nel suo mondo Rigel è sempre stata una vampira del tutto speciale con poteri (e una storia) particolari e unici.

Rigel_Anedonìa_ElenadeGrimani_06

Contraddizioni? L’ho detto poco sopra che Rigel non è un luogo comune. Gli altri e le altre cacciano, bevono, dormono, stanno lontano dal sole, strillano quando vedono una croce.
Non è molto comune per i comuni vampiri ritrovarsi a “vivere” vite distinte e apparentemente inconciliabili tra loro, vite più reali di un paesaggio ghiacciato e/o più meta-fisiche di un… fumetto disegnato! Per certe vite i sogni sono reali e terribili tanto quanto lo stato di veglia.

Rigel_Anedonìa_ElenadeGrimani_05

La propria rinascita fa sempre qualche vittima. A maggior ragione la rinascita di una vampira. Solo che in Anedonìa le vittime sono meno scontate di quanto si potrebbe immaginare.
Le vittime di un mondo morto sono per questo meno vittime? Che c’è di male a morire se si è già morti…

Al di là delle tentazioni retoriche, che costano poco e tanto plauso raccolgono, vita e morte non sono due lati di una stessa medaglia; sono anzi opposti e inconciliabili; persino per una vampira.
Una vampira che non sa più chi è e vive in uno stato di anedonìa così forte che è disposta a sperimentare sofferenza estrema pur di sentire qualcosa, pur di sentire di nuovo.

Lily e Vuk – sì: non pensavate mica che Rigel fosse l’unico personaggio del volume vero? – ognuno/a a suo modo, ognuno/a per come può, ognuno/a per il destino che sente di portare addosso, sarà “vicino” a Rigel. D’altronde, come vedrete, neppure Lily e Vuk sono esattamente ciò che sembrano…
Sì, certo che ci sono altri e altre a recitare in questo volume, persone – e non-persone – che rendono la lettura una sorta di cerchio ipnotico, che segnano nella mente di chi legge dubbi, sorprese, e infine veri e propri colpi di scena.

Rigel_Anedonìa_ElenadeGrimani_01

Perché non pensavate mica che tutti questi miei panegirici zeppi di aggettivi si riferissero a un fumetto iper-cerebrale in cui ci si contempla l’ombelico e al di fuori di esso non accade nulla, vero?
Rigel è una presenza, invece, così concreta e piena di cose, che stupisce a ogni girar di pagina; Anedonìa è una storia in cui accadono molte cose, nessuna delle quali trascurabile, nessuna messa lì a caso o per fare numero. Come dicevo poco fa, qui si rischia, si cade, ci si rialza, ci si mette in gioco, si muore e si rinasce, si cambia, si seminano indizi e basi per il futuro. E sia detto en passant, Anedonìa ha un finale da brivido, sconvolgente e non per mero modo di dire.

Se si è fortunati come lo sono stato io, può capitare di commuoversi fino alle lacrime e di sognare Rigel la notte stessa…
(Sapete che non rovino il piacere della vostra lettura con trame e riassunti; sapete anche che tanto non sarei in grado di farne: a scuola, mille anni fa, ero pessimo nei riassunti. Per dire. Inoltre non sarebbe facile riassumere il plot di Anedonìa.)

Rigel_Anedonìa_ElenadeGrimani_08

Anche chi è già fan accanito di Rigel non potrà che ritrovarsi – piacevolmente/dolorosamente - spiazzato/a da questa storia, che non rinnega nulla del passato, ma semmai, appunto, pone delle fondamenta per storie future, le storie che spero ardentemente arriveranno presto.

Tutto quanto detto finora è disegnato con lo stile incantevole, e la tecnica sopraffina, di Elena de’ Grimani, stile e tecnica in continua e costante evoluzione (che è, in questo caso, sinonimo di miglioramento) sempre più personali e sempre meno riconducibili a eventuali “debiti d’autore” già ampiamente pagati – e superati – dall’autrice.
Ammiro tantissimo la grande raffinatezza del suo segno che resta comunque sempre leggibile; raffinatezza e anche potenza al servizio di uno storytelling fluido, ma impetuoso quando è il caso, efficace sempre, con una costruzione della tavola e delle sequenze sempre bilanciata.

Riassumendo: amo tantissimo i disegni di Elena de’ Grimani (se seguite il link capirete meglio cosa intendo) e consiglio col cuore la lettura di Rigel – Anedonìa a chiunque, ma innanzitutto a tutte le persone - meravigliose, voi sapete chi siete - con cui “parlo” quasi quotidianamente di fumetto.
Credo che Anedonìa abbia caratteristiche tali da poter piacere ed essere molto apprezzato anche da chi non ha mai avuto contatti con questo tipo di fumetto… e il fatto che, anche pensandoci su non mi viene in mente quale possa essere la classificazione per “questo tipo di fumetto”, la reputo una cosa estremamente positiva.
Non sono un fan della “originalità a tutti i costi”, ma non saprei dire a “cosa somiglia” questa storia. Anche questo vuole essere un complimento.

Rigel_Anedonìa_ElenadeGrimani_07
Non appena terminata la lettura di Anedonìa ho avuto un enorme desiderio di parlarne pubblicamente (qui sul blog, sul social network blu, alle persone che conosco…) proprio perché la lettura non è stata indolore e perché mi ha riempito di sensazioni profonde che faccio fatica a tenere per me… Però mi sono subito chiesto se sarei stato in grado di scrivere qualcosa di sensato e non una delle mie solite inutili tiritere a base di “stupendo!”, “fantastico!”, “meraviglioso!”.

Sarebbe facile per me – ne sono specializzato! – autoflagellarmi in uno dei miei soliti e noiosi attacchi di scarsa autostima scusandomi, con Elena innanzitutto, per non essere riuscito a dire nulla di sensato su Rigel – Anedonìa. Beh, questa volta non lo farò perché, a differenza di molte mie sequenze di parole che compaiono su questo blog, ciò che ho scritto sin qui ha senso, ha un profondo senso per me. Spero che chi leggerà Anedonìa potrà capire, anche se spero che nessuno e nessuna si trovi mai, o mai più, in un mondo coperto di neve.

“Si rinasce urlando”

Orlando Furioso

Rigel_Anedonìa_ElenadeGrimani_09

Note:

[1] “incapacità di provare piacere…”

7 commenti:

  1. Wow! *_* Mi hai messo su tantissima curiosità! Non conoscevo questa autrice, ma da quello che ho visto il suo tratto mi attira molto. Oltretutto da un po' di tempo a questa parte i vampiri mi affascinano in qualunque modo vengano presentati (okey...magari non quelli glitterati XD). Appena posso lo prendo!
    Grazie per avermi fatto scoprire questo titolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Millefoglie, tu naturalmente sei una di quelle persone speciali cui ho pensato leggendo Anedonìa ^^
      Sono molto felice che tu abbia deciso di provarlo, spero che ti piacerà!
      Grazie e a prestissimo!!! :-)
      Orlando

      Elimina
    2. Grazie <3
      Non mancherò di farti sapere quando lo proverò!
      A presto! ^^

      Elimina
  2. Con questo post mi hai veramente incuriosita e inoltre i disegni mi sembrano veramente belli. *.*
    La prossima volta che vado in fumetteria non mancherò di dargli una sfogliata... poi chissà, magari non riesco a trattenermi dal comprarlo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I disegni sono veramente splendidi Iyanceres! :-)
      Sono molto contento di averti incuriosita e spero che la prossima sfogliata in fumetteria dia buoni frutti ^^
      Grazie e a presto!!! :)
      Orlando

      Elimina
  3. Devo ammettere che hai incuriosito anche me. Ma, se non ho capito male, è il sequel di altre opere, giusto? Se sì quali sono? Sono rintracciabili (io sono una inguaribile maniaca della "serie completa") ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene Acalia, lo scopo era proprio quello ;-)
      Anedonìa non è+ esattamente un sequel... sì e no, si può tranquillamente leggere come volume a sé stante. Recentemente (un paio d'anni fa?...) Panini Comics ha ristampato i due volumi di "Interlunium", che credo siano facilmente reperibili. Mentre per le storie precedenti, autoprodotte, temo ci sia solo e-bay...
      Questo nuovo volume è una vera e propria rinascita per Rigel, anche per il fatto che qui Elena de' Grimani è finalmente autrice completa.
      Fammi sapere se decidi di provarlo ;-)
      Grazie e a presto!
      Orlando

      Elimina