mercoledì 31 dicembre 2014

…e Buon 2015 a voi!!!

lgbt-rainbow-flag

Scrivo queste righe per un motivo molto semplice: ossia la vergogna di vedere, lì a destra, nell’elenco post di Dicembre, un solo titolo!
Almeno con questo saranno DUE e mi sentirò un po’ più in pace con me stesso!
…e sarà anche L’Ultimo Post dell’Anno, wow!
 (segue)

Le mie amiche e i miei amici del noto social network blu, sanno già – lo sanno fin troppo visto quanto ho “rotto” ultimamente - che sono in mezzo a una sorta di “crisi” che in qualche modo mi blocca la scrittura di cose che abbiano un minimo di senso.
Questo è il motivo della mia assenza dal blog. Nient’altro.
Non pressanti impegni, non mancanza di tempo (voglio dire: quello, il tempo, manca sempre!), non carenza di lettura di cose belle (anzi! Mai speso tanto, e in modo soddisfacente, come in questo periodo!). Insomma, non starò qui a fare un riassunto, ma diciamo che questa “crisi” [1] mi ha proprio bloccato per benino, eh sì.

Non è certo la prima volta che mi viene una “crisi” di tal fatta [2], ma è la prima volta che arriva in modo così forte e prepotente: staremo a vedere cosa succederà e se sarò in grado di superarla o no.

Nel frattempo voglio dirvi quali sono le ultime cose che ho acquistato e delle quali mi piacerebbe parlare in modo un po’ approfondito in un vicinissimo futuro.

Rigel_Anedonìa_Elena_de_Grimani

La prima è un volume unico di Elena de’ Grimani: “Rigel – Anedonìa”, edito da Panini Comics e uscito alla fine di Ottobre. (In realtà ho già cominciato da qualche giorno a scrivere le mie considerazioni su questo meraviglioso, intensissimo, profondo volume… sto cercando di “forzare il blocco”!).
Se non conoscete la bravissima Elena de’ Grimani potete farvi un’idea visitando la sua pagina facebook. Per ora non anticipo altro, ma spero di avervi messo sufficiente curiosità perché Elena è un artista (chi mi conosce sa con quanta, quanta cautela uso questo delicato termine) di una bravura e di un’intensità uniche. La seguo da tempo e non smette di crescere e di migliorare, nonostante sia già a livelli elevatissimi.

sock-monkey

Vorrei poi tanto parlare – e lo farò presto! - di un volume, un bel volumazzo grande e spesso, che mi ha incantato e mi ha fornito materiale per sogni e incubi per i prossimi lustri! Un volume spettacolare che aspettavo, anzi bramavo, da anni: si tratta di “Sock Monkey Treasury” del grande Tony Millionaire, meritoriamente e finalmente edito da Edizioni BD.

FightingAmerican

Di Bao Publishing ho preso un volume vintage obbligatorio per i/le fans di Jack “The King” Kirby! Si tratta della raccolta completa delle storie di Fighting American.
“Obbligatorio” perché è stupendo, neanche da dirlo, a maggior ragione visto che oltre a Jack Kirby c’è anche Joe Simon! Politicamente scorrettissimo se letto con gli occhi di oggi, deliziosamente retrò, potente e coloratissimo, con queste vignette che pare ti saltino agli occhi! Una perla da intenditori/trici che spero di presentare prima possibile!

LittleNemo_orlando

Non parlerò dell’ incommensurabile “volume” (otto chili e trecento grammi in tutto…) che raccoglie tutto il Little Nemo di Winsor McCay, che ho acquistato qualche giorno fa spendendo una cifra che potrebbe essere considerata “alta”, ma che per me non lo è considerato il valore intrinseco che ha. Little Nemo è probabilmente il più bel fumetto di tutti i tempi, Winsor McCay uno dei più grandi e abili disegnatori che siano mai esistiti… come potrei permettermi di parlarne io, dai miei abissi di ignoranza e devozione?!? Su Little Nemo sono stati scritti innumerevoli saggi, libri, articoli… Volevo solo farvi sapere che l’ho acquistato e ne sono pazzamente felice, è una delle cose più preziose che possiedo, ma non ho altro da dire, non potrei azzardarmi.

La Guardia dei Topi

Tornando al presente e a cose probabilmente più accessibili, anche economicamente, mi piacerebbe parlare del bellissimo La Guardia dei Topi di David Petersen (2 voll. per Panini Comics), un fantasy disegnato da dio con personaggi, appunto, topi. Un gioiellino.

Miracleman_1

Non riuscirò a parlare, per timore reverenziale nei confonti del Sommo Bardo di Northampton e perché è già stato detto di tutto e di più e io non potrei certo aggiungere nulla di rilevante, del capolavoro Miracleman di Alan Moore (che però sugli albi non può essere citato per contratto e viene indicato come “lo Scrittore Originale”) e disegnato da Garry Leach, Alan Davis, Rick Veitch (mostri sacri anch’essi). E’ IL fumetto che ha rivoltato come dei calzini i vecchi supereroi; è un fumetto per il quale i “gusti” non valgono: è oggettivamente bello, se non ti piace è un problema tuo. Capite ora perché non posso parlarne? Ma spero che lo compriate e lo leggiate. Albetti mensili, costano poco, Panini Comics.

Gen di Hiroshima

Vorrei tanto raccontare qualcosa anche di alcuni manga che sto leggendo e che mi stanno piacendo, come Il Fiore Millenario di Kaneyoshi Izumi (Planet Manga) Natsume degli Spiriti di Yuki Midorikawa (sempre Planet Manga) e soprattutto del primo, immenso (in tutti i sensi) volume di Gen di Hiroshima di Jeiji Nakazawa (Hikari edizioni).
Sì, confesso che sto trascurando un pochettino i manga, e me ne dispiaccio molto… ma non essendo miliardario e amando tanti tipi di fumetti, ogni tanto qualche “categoria” deve cedere un po’ di tempo e spazio ad altre che in un dato momento mi sono più congeniali e sento di dover approfondire. Ma mi rifarò senz’altro prossimamente!

Devil_Cavalieri_Marvel

Mi piacerebbe raccontarvi di quanto continua a piacermi il ciclo di Amazing Spider-Man di Dan Slott (Panini Comics, albi mensili), anche se non ci ho ancora fatto l’abitudine al ritorno di Peter Parker quello vero: mi ero affezionato, ma parecchio!, al Superior Spider-Man duro e violento!
E sto seguendo con molto piacere anche le nuove avventure di Devil, di Mark Waid (Panini Comics) e vorrei parlarvi anche di quanto mi sta entusiasmando questa giovane autrice – Kelly Sue DeConnick - che ha preso in mano il personaggio di Capitan Marvel (Carol Danvers) e la sta caratterizzando in modo stupendo!

MAVPR006_cvr.indd

…e infine, ma non lo farò, vorrei avere il coraggio di dirvi quanto non mi sia piaciuto (è davvero un blando eufemismo…) “si dà il caso che” di Fumio Obata, che sto cercando di vendere (Bao Publishing). Il mio fumettaio mi dà sempre ottimi consigli: stavolta ha toppato alla grande. Ehi, capita anche ai migliori!

Ecco fatto. In realtà ho comprato e letto un sacco di altri fumetti che non ho nominato qui, e che mi sono piaciuti (RW Lion, Disney, GP Manga, Star Comics…). Se mi si “sblocca il blocco” magari parlerò di tutte queste bellissime cose da leggere. Lo spero tanto!

Per ora, e siamo davvero alla fine, Buon, anzi Ottimo 2015 a tutte e a tutti Voi!!!

Orlando Furioso

 

Note:

[1] Continuo a mettere le virgolette al termine “crisi” forse illudendomi in tal modo di delegittimarla, di renderla meno reale. Ma, in confidenza, si tratta proprio di una crisi, senza virgolette. Se avvenisse in Casa DC Comics mo’ arriverebbero supereroi e supereroine, e parecchi/e villains, da questo e da altri mondi, ci sarebbe una super-mega scazzotata, qualcun* forse morirebbe (per poi risorgere qualche numero dopo) e la Crisi sarebbe risolta… salvo prepararne una immediatamente successiva mentre le ceneri della prima sono ancora calde, ma di questo parleremo magari un’altra volta.

[2] …ne sa qualcosa la pazientissima Acalia Fenders, cui ho rotto timpani e scatole diverse volte sull’argomento… “Chiudo il blog? Non lo chiudo? Perché non lo chiudo? Chi sono? Dove vado? Dio esiste? Questo è uno shojo o uno shonen? Quando esce il nuovo Kuragehime? …” ecc. …

 

Stan Lee

L’immenso Stan Lee, che ha da poco compiuto 92 anni

18 commenti:

  1. Ciao Orlando buon anno anche a te ^___^
    Posso solo dirti velocemente che la mia lettura migliore del 2014, per quanto riguarda i manga, è stata senza dubbio "Gen di Hiroshima"...che dire spero nel 2015 di leggere tanti altri manga di questo calibro ;)

    Kisssss :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caroline, buon anno anzi ottimo!!! ^^
      Gen di Hiroshima è senz'altro una lettura meravigliosa e che colpisce nel profondo... molto più di tante "asettiche" storie dello stesso accadimento.
      Io non saprei dire qual è stata la mia migliore lettura del 2014 perché di roba buona ne ho letta veramente tanta! :-)
      Spero di riprendere anch'io coi manga, un tantino trascurati ultimamente...
      Abbraccione e a presto!
      Orlando

      Elimina
  2. Buon anno!!!!
    Io non mi esprimo sulle letture perchè ho fatto pena..^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicuro che non è così Nyu :-D
      Avrai letto anche tu molte cose belle, sarei pronto a scommetterci ^^
      Buon anno anzi ottimo e, già che ci sono, ti auguro tante, tantissime splendide letture per questo 2015!!! :-D
      A presto!
      Orlando

      Elimina
  3. Orli, buon anno nuovo e spero ti porti rinnovate energie per scrivere recensioni su Fumetti di Carta. Non credo di essere l'unica a dire che ce n'è bisogno!! (delle tue recensioni!) :D

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Laury e buon anzi ottimo 2015 amnche a te/voi! :-D
      ...quindi non lo devo chiudere il blog?...
      Perché la crisi di dicembre è stata proprio forte!
      Mah, vediamo se pian pianino riesco a superarla, magari proprio con rinnovate energie! ^^
      Grazie Laury, un abbraccissimo e a presto!
      Orli

      Elimina
  4. Blocchi e crisi capitano a tutti (o, comunque, a molti). Non so da cosa sia causato, ma mi auguro che tu riesca a ripartire per parlare di tutte le cose che ami e che ti accendono. :)
    Ti auguro un buonissimo 2015 e una gran dose di carica! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello vederti qui lya! ^^
      Seguo sempre il tuo blog, sempre così intenso e ricco di stimoli per la riflessione.
      Buon anzi ottimo anno nuovo anche a te, di tutto cuore, e grazie per l'augurio: sì, spero proprio di superare questo "blocco" perché - detto molto francamente - oggi come oggi a parte lavorare, fare le coccole alle mie bestioline (fidanzato compreso :-D ) e leggere, non faccio molto altro... Questo blog rappresenta, o dovrebbe rappresentare, un po' della mia parte "creativa", bella o brutta, giusta o sbagliata che sia. Un tempo avevo anche la musica, suonavo in una o più bands, ma da circa un paio d'anni non suono più (se non in casa, col mio compagno... che, con tutto l'amore del modno, è comunque ben altra cosa rispetto al suonare in una band e fare concerti dal vivo...) e quindi la mia già scarsa creatività rischia di spegnersi del tutto, se mollo anche il blog.
      Ma bando ai pessimismi: vedrò di darmi una svegliata e una mossa! :-)
      Grazie ancora e a presto!
      Orlando

      Elimina
    2. E' giusto che tu rincorra la tua creatività e riesco veramente bene a capire questo tuo bisogno di esprimerti. Faccio il tifo per te (e se tutto va bene prima o poi vedrai pubblicato anche il prossimo post su quella serie che tanto ci piace! ;P )
      A presto!

      Elimina
    3. Grazie mille ^^
      ...e non vedo l'ora di leggere il tuo nuovo megapost sulla serie televisiva che tanto ci piace, la cui protagonista è l'Unica, la Vera, la Prescelta Ammazzavampiri!!! :-D
      A presto!
      Orlando

      Elimina
  5. Ciao! Auguroni!! :*
    Arrivo in ritardissimo, ma sono stata parecchio impegnata in questi giorni (ok...confesso di aver dormito come un ghiro per recuperare la notte in bianco di capodanno XD).
    Ho letto della tua "crisi" su FB ma sul momento non ho risposto perché ero di corsa e non volevo lasciare inutili commenti affrettati. Secondo me il discorso è molto semplice: ti piace occuparti del blog? Se si, continua! :) a me piace molto leggere i tuoi post e ho imparato diverse cose dal tuo blog, quindi è superfluo dire che mi fa sempre piacere leggerti!

    A presto! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao MIllefoglie! Auguronissimi anche a te!!! ^^
      Confesso che anch'io sto dormendo parecchio, approfitto di queste micro-vacanze per riposare un po' e illudermi così di recuperare un po' di energia :-D
      Ti ringrazio tanto e di cuopre per le tue parole di apprezzamento e, toccando ferraglie varie e facendo triple corna, forse un pochino di "sbloccamento" si sta mettendo in atto... Sperém!!! :-D
      Grazie ancora e a presto!^^
      Orlando

      Elimina
  6. Finalmente riesco a commentare questo post!
    (In questo momento non ho internet in ufficio, per cui leggo furtivamente i post sul telefono ma da lì non commento quasi nessuno perché ci metto il quadruplo e ogni tanto qualcuno sparisce anche nel nulla)

    Auguri per l'anno nuovo (anche se ormai è iniziato ma facciamo finta di niente, devo meritarmi anche quest'anno la corona di Regina degli auguri in ritardo e con FB che mi segnala i compleanni rimedio in altro modo)!

    Quante belle letture :D
    Gen di Hiroshima e Miracle Man (perlomeno i primi tre volumi ;-P) li ho letti! Gli altri no e sono molto curiosa su La guardia dei tpo.
    In realtà credo che un tuo post su Little Nemo potrebbe essere molto interessante e invogliare diverse persone (tra cui me) all'acquisto. Io non l'ho mai letto e tendo a categorizzarlo (probabilmente a tortissimo) come "vecchiume" ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Acalia, i tuoi auguri sono graditi in qualunque momento arrivino <3

      Di Miracleman ti consiglio vivissimamente di procurarti anche i succesivi numeri, perché a un certo punto cominciano delle storie... pazzesche!!! (blando eufemismo ^___^).
      La Guardia dei Topi è veramente bello e particolare, con uno stile di disegno originale e molto accattivante! Spero di riuscire a parlarne in modo un minimo sensato quanto prima :-)

      Per quanto riguarda Little Nemo - decisamente una delle opere più impegnative che abbia mai acquistato in vita mia - non sono proprio in grado di parlarne... Cioè, già sono impossibilitato a parlare dei "mostri sacri" (Alan Moore, per es.), ma di una "cosa" come Little Nemo, davvero, bisogna avere i "numeri giusti" per farlo.
      Little Nemo è un colosso talmente grande e potente da generare, da un lato, e oscurare, dall'altro, quasi qualsiasi altro fumetto. E, per una volta, non parlo per esagerazioni.
      Su Little Nemo sono stati scritti MIGLIAIA di articoli, saggi, libri e quant'altro e tutt'oggi continuano a venirne scritti.
      Di certe cose, per come la vedo io, o se ne parla con cognizione di causa o è meglio lasciar perdere. Little Nemo è la causa di quasi tutto ciò che, fumettisticamente, leggiamo in occidente; e nonostante ciò resta a tutt'oggi un capolavoro insuperato e inarrivabile.
      Sai che Tiziano è un disegnatore ed è abbastanza spietato e smaliziato... ebbene, davanti alle tavole di Little Nemo si chiude persino lui in un esaustivo mutismo e riesce solo a dire "madonna!...".
      Certe tavole se uscissero oggi NESSUNO crederebbe che NON sono state fatte usando tremila programmi al computer. Invece sono state fatte CENTO anni fa da un signore - Winsor McCay - che disegnava con matite e pennini.
      Ecco, quello che ho balbettato sinora è il massimo che riesco e posso dire su Little Nemo :)
      (Ma la prossima volta che vieni a prendere un té da noi ti mostrerò di persona di cosa stiamo "parlando", ok?).
      p.s. Anche la Divina Commedia è "vecchiume".
      Ma è l'unico libro che è SEMPRE sul mio comodino e che non smetterò mai di leggere e rileggere ;-)
      Grazie e a prestissimo! ^^
      Orlando

      Elimina
  7. Carissimo Orlando,
    eccoTi qua: io latito, ma poi torno sempre a vedere che c'è di nuovo. Questo post sulla crisi di scrittura non l'avevo ancora letto infatti. Posso dirti che in quanto a contenuti il tuo blog è stra-ricco, ne è la prova questo stesso post pieno di suggerimenti per buone letture e pieno di commenti che chiedono più recensioni!
    Tu critichi sempre le tue qualità di blogger, in realtà lo conduci benissimo e non dovresti farti tante paranoie, se sono queste che fanno vacillare la tua volontà di tenere un blog.
    Se invece ti sfiducia il mondo attorno, che detto tra noi è uno dei motivi per cui a volte vorrei scrivere post pieni solamente di insulti alla stupidità umana... eh, beh, quello è un bel problema! Ma quello che penso infondo è che la rete è un posto talmente grande che magari qualcuno che la pensa come noi esiste e non vale la pena soffermarsi su tutti gli altri se appunto il nostro obiettivo è condividere quelle cose con anche solo una persona che può apprezzarle. Infine: se scrivi per te stesso e questo ti basta (che è sempre la cosa migliore, senza peccare di supponenza), direi che non dovresti preoccuparti più di tanto e fare ciò che ti piace.
    Non riesco a pensare ad altri motivi per cui metti in dubbio il tuo blog, ma non riesco neppure a pensare a degne motivazioni per cui dovresti chiuderlo :-)
    Non ho altro da scrivere se non... dai, parlaci un po' di più di Little Nemo! <3 So che è un'opera sopraffina e vale tutto quel che costa. Lo vendono anche qui a Londra quel mastodontico volume, l'ho visto proprio l'altra settimana in fumetteria (è un po' difficile non notarlo)!

    Salutisss,
    Clyo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Clyo!
      Prezioso il tuo scritto, dico sul serio.
      Come dicevo sul tuo blog, in questo periodo abbiamo percorsi di vita in qualche modo simili, tu ed io :)
      Per quanto riguarda il blog, le cause della mia "sfiducia" sembrano abbastanza chiare; la soluzione potrebbe essere, con molto sforzo, raggiungibile, e questa è una buona notizia :-)
      Riassumendo brutalmente:
      1) mi sembra di non crescere, di scrivere le stesse ca**ate di 10 anni fa, di metterla sempre giù uguale "mi ha emozionato!" "lo stile è scorrevole" "la costruzione della tavola è ardita"... ma poi che diavolo vogliono dire queste cose? Ho un'età, ma scrivo come un ragazzino. Mi sembra di non riuscire a comunicare un fico secco sui fumetti che amo, ma solo un brodo allungato di un semplice "quanto m'è piaciuto!".
      Che non era esattamente la cosa che avrei voluto fare col blog...

      2) Ultimamente frequento blog, sia di fumetti che non, tenuti da gente che parla 16 lingue, cita in greco antico (senza tradurre, ovvio, quale bestia ha bisogno di una traduzione dal greco antico?!?) e da per scontata la conoscenza di tutte le opere letterarie fondamentali dell'umanità (possibilmente lette e assimilate in lingua originale), passando da Kant - citato a memoria - all'Atharva Veda (in sanscrito, ovvio). Perché li frequento? Perché parlano di cose che m'interessano moltissimo. Ma invece di stimolarmi a cercare di farmi una cultura, mi fanno sentire una cacca, un buco nero d'ignoranza e, ebbene sì, mi deprimono.

      3) Da tutto ciò se ne deduce che ai miei occhi, in questo momento di crisi, il mio blog mi sembra inutile e le persone che lo seguono lo fanno ovviamente perché sono troppo gentili e per farmi un piacere... Mica bella come situazione, eh? :)

      Soluzioni?
      1) LEGGERE magari qualcuno di quei CENTOMILA saggi sui fumetti, la critica e la tecnica degli stessi che ho comprato svenandomi e che giacciono intonsi da ANNI sullo scaffale più impolverato delle mie librerie. Ciò comporterebbe ovviamente vincere la pigrizia e accorciare ulteriormente il tempo per la lettura dei fumetti e dei libri degli altri argomenti che mi interessano... ma magari imparerei qualcosa e sarei poi in grado di scrivere di fumetti con un po' più di cognizione di causa!

      2) Smetterla di frequentare quei blog, che forse - e non ci sarebbe nulla di male - sono troppo "alti" per me? Così come non sono in grado di leggere un articolo un po' complesso in inglese (e non c'è niente di male! Comunque sto facendo un corso d'inglese, per la cronaca), posso non essere in grado di comprendere articoli su argomenti complicati e scritti in modo complicato.
      Oppure potrei continuare a frequentarli cercando di arricchire la mia ignoran... ehm , la mia cultura e non sentirmi per questo una mosca schiacciata.

      3) Se riuscissi in queste due cose, fooorse la crisi passerebbe o si attenuerebbe.

      Accidenti, ho proprio fatto coming out eh! :-D
      Beh, mi ha fatto bene tirar fuori tutto, anche a costo - come si dice - di "sputtanarmi" un (bel) po' :-D

      Per quanto riguarda Little Nemo... no no, direi che non se ne parla, troppo prezioso, troppo alto, troppo importante! Pensa che non parlo MAI del mio autore preferito (Alan Moore, per la cronaca) per timore reverenziale e per paura di venire bacchettato dai suoi/sue moltissimi/e fans! :)

      Grazie di cuore Clyo e a presto! <3
      O.

      Elimina
    2. Ecco, ora ho le idee più chiare! non credo tu ti sia sputtanato, infondo io ho cercato di capire i motivi della tua crisi elencando i miei e non c'è nulla di male in questo.
      Allora:
      1) il tuo entusiasmo viene trasmesso in ogni tuo articolo, in più posso dirti che personalmente trovo il tuo livello molto alto. Citi autori e volumi che i "ragazzini" manco conosco e lo fai con cognizione di causa. Ci sono un sacco di blog "fuffa", scritti da chi non ha la maturità per gestire un blog e nemmeno per scrivere in modo interessante, il tuo NON è uno di questi blog. Poi, ok, non sarai uno scrittore di fama, ma perché pretendere di esserlo.. Su un blog? Voglio dire: diamo al blog il valore di un blog... Non stiamo mica scrivendo la Divina Commedia ;-)

      2) ci sarà sempre qualcuno più bravo, che sa più cose di noi, e che non si lascia sfuggire l'occasione per gonfiarsi del proprio sapere e riversarlo sui lettori. io nutro una grossa stima per chi sa più di me, nella misura in cui non si pecchi troppo di superbia ( vedi con Gipi... Che è bravissimo, ma proprio non riesco a tollerarlo caratterialmente!) queste persone possono essere uno stimolo per imparare di più, ma non un ostacolo alla nostra autostima.
      che poi le cose che non sappiamo ci sembrano sempre più enormi di quelle che in realtà conosciamo: ci sono persone che si lanciano in citazioni in lingua originale o traduzioni di post in inglese che scrivono delle corbellerie infinite. Io dopo due anni in UK faccio ancora tanta fatica a scrivere e parlare, ma almeno questi falsi poliglotti li scovo subito :-D

      3) ti dovresti chiedere se il blog è utile a te prima di tutto. Ti piace scriverlo? Allora fallo! Come ho detto nel primo punto credo che le cose che scrivi siano utili e interessino un sacco di persone. Io, come sai, non sono una fumettara accanita, compro sì e no 3 fumetti/libri illustrati all'anno, però ciò che compro è frutto di molte selezioni, per cui anche se non rientro nel tuo target usuale di lettori, mi interessano i tuoi gusti e le tue scelte, perché riesco sempre a trovare nuove informazioni a cose che di solito ignoravo.
      ... Ormai anche Acalia lo sa: ho dei gusti molto particolari e un modo tutto mio di giudicare le cose, per cui non sono sempre lì a scrivere commenti sui vostri blog, ma non per questo non mi interessano, anzi!

      Bene, spero di averti dato qualche consiglio , non richiesto, in più per chiarirti le idee.
      Alla prossima!

      Elimina
    3. Le cose che scrivi, Clyo, mi stanno dando l'opportunità di riflettere prendendo in considerazione diversi punti di vista. E questo non può che farmi del bene! :-)
      Quindi, ancora una volta - e col cuore - GRAZIE Clyo! :)

      Sono felice, anzi di più!, che ci siano persone che apprezzano quel che scrivo, però per quanto riguarda le mie aspirazioni sono ancora ben lontano dall'aver raggiunto quel che vorrei raggiungere. E per far ciò non ho alternative: devo studiare, devo diventare più esperto, comprendere maggiormente i meccanismi (anche quelli più sottili) e i linguaggi. Il tutto per poter comunicare meglio, per fornire più informazioni tecniche (e non solo "emotive"...), quindi per dare un "servizio" migliore. Anche se non considero assolutamente Fumetti di Carta un "blog di servizio" (né vorrei che lo fosse). Vorrei solo essere in grado di scrivere vere recensioni. Cosa molto più difficile di quanto si creda...

      Non dovrei essere io a dirlo, ma hai ragione: lì fuori è zeppo di "blog-fuffa", alcuni dei quali sono visitatissimi e apprezzatissimi. Pazienza, il livello generale è quel che è e a forza di "sdoganare l'ignoranza" ora è diventato uno status di cui vantarsi...

      Forse, per la prima volta, mi posso permettere di azzardare l'ipotesi che chi cita in greco antico senza tradurre NON VUOLE essere seguito da "gente" come me. Avessi 15 anni e facessi il Liceo Classico ok, ma ne ho 54 e il tempo per imparare il greco antico mi sa che non ce l'ho, quindi forse quelle cose, così meravigliosamente colte, NON fanno per me. Ma su questa faccenda non ho affatto le idee chiare...

      Ancora grazie e a presto! E un bacino a Maggie ^^
      O.

      Elimina