domenica 10 agosto 2014

Rocky & Hudson

Rocky_e_Hudson_coverRocky & Hudson
I Cowboy Gay

di Adao Iturrusgarai

vol. cartonato cm 21x15
104 pag. a colori


euro 14,95

Diàbolo Edizioni

Vedi quella scritta, sulla copertina in basso a sinistra, che recita “prologo di Liniers?
E’ bastata a farmi acquistare di corsa questo volume.
Sono ovviamente sempre interessato a fumetti a tematica lgbt, ma se il prologo è di Liniers, divento interessato a qualsiasi cosa, e se conosci già Liniers sai che non puoi aspettarti un prologo usuale (men che meno banale!).

Rocky_e_Hudson_07

Ma basta parlare di Liniers [1] e veniamo a questo Rocky & Hudson I Cowboy Gay, dell’autore brasiliano Adao Iturrusgarai che, mi dicono le info in Rete, è uno dei più importanti cartoonist brasiliani (anche se vive in Argentina con moglie e figli/e) e, per quanto possa interessare, non è gay.

In realtà il suo non-essere gay diventa immediatamente interessante se si pensa che le strisce che compongono il volume risalgono ai primi Anni 90, quando scrivere di tematiche lgbt per un pubblico generalista, quindi al di fuori dello specifico target, era decisamente meno usuale di quanto possa eventualmente essere oggi. (Vaticanolandia esclusa, naturalmente, dove nei fumetti “di massa” non ci si pensa nemmeno ad inserire personaggi lgbt, a meno che non si tratti di “macchiette” così stereotipate da far venire la nausea).

Rocky_e_Hudson_08

Ancor più interessante per un autore non-gay che fa fumetti su due cowboy gay all’inizio degli Anni 90 è che Iturrusgarai nel suo essere squisitamente “politicamente scorretto” mette alla berlina, più ancora che alcuni stereotipi del “mondo gay” [2], proprio l’omofobia in generale, ribaltando e rimandando al mittente – cioè agli/alle omofobi/e - quegli stessi stereotipi.
Illuminanti a tal proposito sono le ultime strisce del volume, in particolare l’ultima vignetta (che certamente non “spoilererò” qui).

Stereotipi che, beninteso, fanno molto ridere perché inseriti dall’autore brasiliano in un contesto umoristico paradossale che rende le strisce del volume divertentissime e molto efficaci.

Rocky_e_Hudson_09
La risata arriva subito, grassa e crassa, a patto che si esca velocemente da qualsiasi ottica “politicamente corretta”: le strisce di Iturrusgarai sono deliziosamente eccessive, volgari (no bimbi/e, please), come già detto, paradossali: nel villaggio del Far West in cui sono ambientate le avventure dei due cowboy Rocky e Hudson – nomi che alludono all’attore gay Rock Hudson – quasi tutti e tutte le abitanti sono omosessuali e se non lo sono è perché non lo sanno ancora…

Una specie di villaggio-da-sogno meravigliosamente comico in cui le attività principali sono il bacio-gay, la proibizione del bacio-gay (proibizione che, come puoi immaginare, avrà uno scarso, scarsissimo successo), battaglie a sfondo sado-maso con gli Indiani locali, interventi per il cambio di sesso (anche questi ultimi avranno scarso successo), improvvisi e inquietanti – e comicissimi, naturalmente – cambi di orientamento sessuale, feste e parate gay.

Rocky_e_Hudson_13

Scandalizzarsi è un attimo – specie per lettrici e lettori gay - se non si è abituate/i a ridere (anche) di se stesse/i e se, in generale, si fa fatica ad accettare il “politicamente scorretto” e se il vedere nero su bianco l’esasperazione dei propri stereotipi porta alla chiusura o a qualche altro tipo di timore.

Insomma, voglio dire: sappiamo bene, per esempio, che l’essere un maschio gay ed essere “portato” per l’uncinetto è uno stereotipo tritissimo e che non ha alcun valore concreto (sempre tenendo conto che ad occuparsi di uncinetto può essere chi vuole, indipendentemente da sesso e orientamento affettivo-sessuale, e non c’è niente di male); così come sappiamo che lo stereotipo della lesbica aggressiva e mascolina ha fatto il suo tempo (tenendo conto che ogni persona ha diritto ad essere “mascolina” o “femminile” o “così-così” come e quando gli/le pare, e anche qui non c’è niente di male); ma se un autore di fumetti usa certi stereotipi per ridere con noi, insieme a noi, non solo non c’è nulla di male, ma anzi la cosa non può che farci bene.

Inoltre, come detto poco sopra, la vera mazzata finale, la critica vera, l’autore la riserva agli omofobi, non certo ai/alle gay.

Rocky_e_Hudson_10

Le strisce hanno una comicità fulminante ed immediata, a gag, e seppure alcune di esse sono legate sino a formare una piccola storia-nella-storia, restano comunque sempre leggibili a sé, con la caratteristica struttura a tre vignette, delle quali la prima introduce la gag, la seconda fa scattare la contraddizione e la terza suscita la risata. Occasionalmente Iturrusgarai usa strisce singole.

Il suo tratto, semplice ed estremamente cartoonesco, mi ha ricordato un po’ il primo Ralf Koenig, strepitoso e prolificissimo autore gay tedesco e famosissimo in tutto il mondo (un po’ meno qui a Vaticanolandia…), anche se le espressioni dei personaggi di Koenig sono impagabili e probabilmente inimitabili oltre che più “realistiche”, dove invece Iturrusgarai predilige schematicità e la semplicità del cartoon.

Rocky_e_Hudson_11
Personalmente sono sempre molto attirato dai tratti semplici ed essenziali e uno dei motivi che mi hanno fatto acquistare volentieri Rocky & Hudson I Cowboy Gay è stato proprio questo segno così immediato, anzi di immediata comprensibilità, semplice nella sua efficacia e quei colori piatti e privi di sfumature, così allegri e deliziosamente fumettosi.

Volume consigliato a qualsiasi persona adulta che apprezzi le strisce umoristiche e le tematiche lgbt affrontate con una certa leggerezza e un delizioso gusto per l’eccesso e qualche apprezzabilissima “volgarità gratuita”. No moralisti/e, no bigotti/e, grazie.
Buon divertimento!

Orlando Furioso

Rocky_e_Hudson_15

Note:

[1] …però fatti un favore: procurati i 5 volumi di Macanudo editi in Italia da Double Shot, specie ora che ti fa anche un bello sconto!

[2] Non mi piacciano termini come “mondo gay”, “ambiente gay” et similia… ma siccome la mia conoscenza della lingua italiana è carente e non sono portato per l’invenzione di neologismi uso questi termini orridi giusto per “capire di cosa stiamo parlando”…

Rocky_e_Hudson_12

.

6 commenti:

  1. Risposte
    1. Sì Matx, è una delizia :-D
      Ovviamente le strisce più "spinte" non le ho potute mettere, ma fanno molto ridere anche quelle XD
      Ciao, a presto!
      Orlando

      Elimina
  2. Risposte
    1. Vero? :-D
      Calcolato poi che si tratta di strisce del 1990 circa! :)))
      Ciao, a presto!
      Orlando

      Elimina
  3. Sembra veramente simpatico! L'ironia sugi stereotipi poi non mi dispiace affatto ^^ è molto più efficace e comunicativa a volte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è un volumetto proprio simpatico e pieno zeppo d'ironia (non stupida, anzi!) e fa riflettere su cose importantissime, ma senza annoiare :-)
      Ciao, a presto!
      Orlando

      Elimina