mercoledì 25 dicembre 2013

La cronaca degli insetti umani

Cronaca_degli_insetti_umani_cover


La cronaca degli insetti umani

di Osamu Tezuka

vol. unico brossurato
con bandelle 
368 pag. b/n
per un pubblico maturo

traduzione di
Francesco Nicodemo

euro 18,00

Hikari / 001 Edizioni
.
.

Il dio dei manga.
Talvolta mi sono chiesto se nelle quasi 170.000 tavole della sua produzione, il maestro Osamu Tezuka abbia mai realizzato qualcosa di mediocre, se non addirittura di brutto. Chissà, forse qualche lavoro iniziale, di quand’era ancora un giovane e inesperto mangaka, cose che non vedremo mai qui in Italia…

02_Insetti_umani_Toshiko_01

Un’altra cosa che mi capita ogni volta che leggo un’opera di Tezuka è quella di essere distratto nella lettura a causa delle mie continue esclamazioni mentali: “Sto leggendo un capolavoro!”, “Ma quant’era bravo?!?”, “Questa storia è stupenda, quanta maestria!” e banalità del genere, al punto che spesso mi tocca tornare indietro e rileggere qualche pagina.

Nulla però è riuscito a distrarmi durante la lettura de La cronaca degli insetti umani. Le considerazioni di cui sopra - libere di uscire una volta terminato il volume - sono state ricacciate nell’inconscio e date per assodate, tanto la storia mi ha coinvolto. Il volume è poderoso, persino un po’ pesante e faticoso da tenere in mano, ciò nonostante non ho mai interrotto la lettura. Non avrei potuto.

01_Insetti_umani_Mizuno

La cronaca degli insetti umani è una storia adulta, profonda e complessa, non rassicurante, anzi spietata nella sua crudezza e nella quale non c’è granché spazio per “valori positivi” quali speranza e redenzione.
E’ una delle storie più ideologicamente pure che io abbia mai letto! Tezuka narra (e disegna) così come un chirurgo affronterebbe una difficile operazione il cui successo non dipende dalle proprie opinioni, ma dalla bravura a manipolare il materiale a disposizione [1].

In questo caso il materiale esce dalla mente creativa del maestro e si mescola in modo creativamente perfetto con una realtà fredda e dura, quella delle contraddizioni della società e della cultura giapponesi dei primi Anni 70. Da un lato quegli anni videro il Giappone protagonista di una fortissima ascesa tanto da giungere ai vertici della produzione mondiale, dall’altro la corruzione politica e numerosi scandali, insieme alle nuove, fortissime contestazioni e relativi scontri tra differenti visioni del mondo (conservatorismo / progressismo, tradizione / novità).

12_Insetti_umani_Heiachi_Toshiko

La cronaca degli insetti umani naturalmente non è un “documentario”, tutt’altro: è una straordinaria opera creativa e di fantasia, costruita con arte, meticolosamente, per colpire direttamente cuore e mente di chi leggerà. Si resterà colpiti per molte cose: l’originalità dell’intreccio, la bellezza dei disegni, la perfezione nella costruzione delle tavole che hanno come unico confine lo spazio fisico della carta, l’espressività dei disegni, la perfetta giustapposizione testo-disegno (l’arte che fa del fumetto quello che è e non altro), la cura dei dialoghi, l’intensità dei personaggi. E’ una lettura che lascia una forte inquietudine e un sottile senso di disgusto per l’ipocrisia di cui è permeata l’intera creazione, oltre a una percezione di sconfitta, sensazione che il nostro animo conosce senz’altro molto bene.

Il dio dei manga. Per quanto ancora possano essere poche le sue opere tradotte in italiano, sono sufficienti per capire che solo il dio dei manga poteva produrre delle opere così perfette pur se così incredibilmente diverse tra loro: da La Principessa Zaffiro ad Ayako, da Dororo alla Storia dei tre Adolf a Pinocchio… solo per fare degli esempi. D’altronde Tezuka non aveva un “genere” di manga: lui i “generi” li ha inventati.

09_Insetti_umani_Mizuno_Toshiko_02

E’ stato capace di commuovere gli animi con storie dolci e sentimentali tanto quanto è stato in grado di colpire il pubblico adulto per l’audacia dei temi trattati e per la scabrosità delle storie raccontate.

Audace e scabroso, La cronaca degli insetti umani parla di Toshiko Tomura, una bellissima, giovane donna poco più che ventenne con una personalità inquietante che possiede notevolissime capacità mimetiche e la ferrea determinazione di avere nel mondo un ruolo di primo piano.
L’intera nazione la tiene sotto osservazione, estasiata dai suoi molteplici talenti: scrittrice, designer, attrice…
Chiunque incontri Toshiko Tomura non può che subire il suo fascino e quello dei suoi talenti, della sua bellezza e della sicurezza ostentata sprezzantemente. E farne le spese, spesso disperatamente.
Tutto ciò ha come origine un torbido segreto e come traguardo un destino oscuro. Niente e nessuno ostacolerà il percorso della donna che, alla pari dei suoi antagonisti uomini, userà il sesso, la violenza e l’inganno per raggiungere i suoi obiettivi.
La donna si muove entro territori violentissimi e pericolosi in cui l’inevitabile corruzione che ne deriva è sì principalmente spirituale, ma permea anche la vita politica, economica, sociale.
Le persone, come degli insetti, sono costrette a fare e a reiterare quel che fanno, prigioniere dei loro schemi mentali e delle condizioni sociali.

15_Insetti_umani_Toshiko
In questa storia ogni cosa, anche la più piccola e innocente, anche quella che apparentemente sarebbe umanamente “dovuta”, viene pagata duramente: nessuno/a è innocente, sembra dire Tezuka, e come in una spietata legge karmica, o in una colonia di insetti, ad ogni azione corrisponde una reazione… che non sempre – anzi quasi mai - sarà piacevole.

Tutti i personaggi della storia sono resi in modo tridimensionale e sono tratteggiati da Tezuka in maniera originale e unica, ognuno/a con le sue specifiche peculiarità e seppure sono tutti uniti da un destino comune che è quello di quel preciso momento storico e sociale del Giappone, hanno comunque una sostanziale diversità l’uno dall’altra: l’unicità della loro anima.

16_Insetti_umani_Mizuno_02

Voglio anche dire che i personaggi di questa storia sono talmente ben caratterizzati che i nomi giapponesi, solitamente un piccolo (o grande, a seconda dei casi) ostacolo alla lettura dei manga, qui non pongono alcuna difficoltà perché riconosciamo perfettamente ogni personaggio dalle sue caratteristiche psicologiche e fisiche, senza nemmeno bisogno di “impararne” il nome.

Un riassunto più preciso rovinerebbe, io penso, la lettura a chi ancora non ha avuto la fortuna di approcciarsi al volume, quindi per non rischiare fastidiosi spoiler, mi fermo qui.

14_Insetti_umani_sbagliata

Chi conosce Tezuka anche solo un pochino, sa bene che la sua maestria è quella di essere un fumettista completo, quindi tutto ciò detto per la storia, vale anche per i suoi disegni [2].
Il dio dei manga era in grado di padroneggiare, quando non di inventare…, innumerevoli “stili”. Qui lo stile di Tezuka ha un che di feroce: tratteggia i suoi paesaggi urbani con una freddezza chirurgica, respingente e ovviamente affascinante (non ci si stanca di guardare e riguardare quelle vedute gelide, meticolose, squadrate); dipinge i personaggi in modo incredibile in quanto riesce a far emergere la loro anima da ogni tratto. Usa potentemente il linguaggio del corpo, spesso nudo. E’ capace di durezze estreme e di morbidità commoventi, ma senza mai scadere nello stereotipo.
Ecco, questo è forse l’elemento grafico a mio avviso più pregnante del manga: la capacità di usare alcuni stereotipi modificandoli, stravolgendoli, re-inventandoli sino a farli completamente propri, rendendoli qualcosa di proprio e quindi di originale [3].

13_Insetti_umani_Tokyo

Un ennesimo pregio de La cronaca degli insetti umani è che si tratta di un’opera sì completamente permeata di cultura e comportamenti peculiari di una civiltà che, per quanto ci affascini, ci è terribilmente lontana, ma riesce ad essere perfettamente comprensibile e fruibile anche a noi, qui e ora. Anche grazie alle note puntuali e poco invasive presenti nel volume.

I miei complimenti a Hikari, la “divisione manga” della torinese 001 Edizioni, che non poteva proseguire meglio il suo percorso editoriale: l’opera è magnifica, il libro gode di una stampa perfetta su ottima carta in un formato che permette di godere al meglio i disegni di Tezuka e con un prezzo più che adeguato.

Orlando Furioso

 

10_Insetti_umani_Jazz

Note:
[1] Tra l’altro Tezuka da ragazzo avrebbe voluto realmente diventare medico: in milioni lo ringraziamo per aver cambiato idea!

[2] Le immagini qui pessimamente riprodotte le ho fotografate direttamente con lo smartphone, in quanto non volevo rovinare il volume usando lo scanner. Mi scuso per la scarsissima qualità, che non corrisponde assolutamente alla qualità della stampa!

[3] Nel disegno la totale scomparsa dello stereotipo è pressoché impossibile! La stessa convenzione che ogni cosa sia “circondata” da uno spessorino nero, da un “bordo” ovviamente inesistente nella realtà, è il primo e ineliminabile stereotipo.

06_Insetti_umani_Toshiko_03

 

07_Insetti_umani_Toshiko_04

18 commenti:

  1. Voglio assolutamente recuperarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi! :)
      Cioè: è uno dei manga più intensi che abbia mai letto... pazzesco proprio. Quando l'avrai letto ti prego di farmi sapere cosa ne pensi, Nyu.
      Ciao! :-)

      Elimina
  2. Un manga assolutamente da comprare, bellissima recensione. L'unico neo (per me) sono queste edizioni spessissime e pesantissime. Avrei preferito un albo diviso in due, in modo che sia piu' leggero e maneggevole. Ma qui si parla solo del formato, l'opera deve essere davvero fantastica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è davvero un capolavoro Caroline! :)
      Per quanto riguarda il formato, da un lato mi piacciono i volumi belli "poderosi", ti danno - come dire - l'idea di quanto siano importanti; dall'altro in effetti sono di non facilissima maneggiabilità...
      Però il manga è talmente bello che va bene anche così! :D

      Elimina
    2. Io preferirei spendere magari 9 euro e avere 2 albi. 9+9= 18

      Anche perchè spendere 18 euro per un solo albo non è il massimo per me, specie in questo periodo. Tra l'latro si, Tezuka mi piace, ma non è il mio autore preferito.

      Spero che prima o poi si decidano a pubblicare anche autrici donne di quel periodo, ce ne sono tantissime.

      Elimina
    3. Cosi magari sai mi compro un volume una volta e l'altro in un secondo momento ;)

      Elimina
    4. Sì, capisco il tuo ragionamento che non è per niente sbagliato ;)
      Autrici donne assolutamente sì, speriamo che "lassù" qualcuno ti ascolti!!! XD

      Elimina
    5. Con l'incostanza dei lettori italiani secondo me è sempre meglio puntare al volume unico (quando è possibile, come nel caso di queste miniserie di Tezuka). Anche in America, con Tezuka, hanno sempre optato per il volume unico (dove possibile) ed io approvo incondizionatamente. Inoltre, con un volumone unico non si rischia di rimanere fregati (come è successo con l'edizione italiana di Alabaster, per rimanere in tema Tezuka).

      Elimina
    6. Questo è vero: il vantaggio innegabile del volume unico è quello di non rischiare di non poter mai leggere il seguito di una storia. E' un rischio in più per l'editore, è un sacrificio in più per i lettori/lettrici, ma forse ne vale la pena in nome di una conclusione certa :)

      Elimina
  3. complimenti per la recensione :)
    Di sicuro recupererò prima o poi questo volume di Tezuka perchè mi affascina molto. Dalla tua recensione mi sembra di capire che sia abbastanza vicino ad MW come atmosfera, anche se i disegni in questa storia mi sembrano leggermente più fluidi. Forse perchè la protagonista è una bella donna e quindi ha più curve, rendendo il tutto meno spigoloso di MW.
    Per adesso preferisco provare un titolo di Tezuka con atmosfere più leggere, come la principessa Zaffiro. Ma di sicuro prima o poi recupererò anche questo :) Diciamo che preferisco alternare per non intristirmi troppo. Faccio spesso così con le mie letture ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie MIllefoglie :)
      Io purtroppo non ho ancora letto MW... (vergogna su di me...) quindi non posso fare paragoni. Me lo procurerò presto, però!
      Il segno di Tezuka, che amo molto sempre e comunque, su La cronaca... mi è piaciuto ancora più del solito, devo dire.
      Per quanto riguarda Zaffiro: è un manga stupendo, spero ti piacerà! XD

      Elimina
  4. Non leggo la recensione perché sono già convinta di recuperare questo volume prima ancora di partire. Il fatto che ne dai un giudizio positivo non fa che invogliarmi ancora di più! Appena ho qualche soldino mi sa che faccio l'acquistone :D

    PS: Non sono ancora riuscita a leggere La storia dei tre Adolf che ho preso a Lucca. Un po' mi blocca il fatto di non avere il terzo volume ç__ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto sai che non faccio spoiler XD
      Mi raccomando, questo volume non è prescindibile neh! ;-)
      Comunque ti capisco bene: nemmeno io riesco a cominciare a leggere una storia conclusa (tipo i 2 Adolf, che è un capolavoro, per inciso^^) se non ho tutti i volumi.
      Ciao!

      Elimina
  5. La storia dei 3 Adolf è a mio parere bellissima!
    L'ho divorata nei suoi 5 volumi delle Edizioni Hazard, e ogni tanto, quando trovo gli alunni in grado di apprezzare, la ripropongo nelle mie classi (insegno alle medie)
    Ma (quasi) tutto Tezuka è davvero grande. Cercherò di procurarmi anche questo volume

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te Eug: la Storia dei 3 Adolf è un capolavoro!
      Credo che proporne la lettura guidata in una classe delle medie sia un'ottima cosa e un'opportunità per i ragazzi e le ragazze di imparare in modo non convenzionale e più creativo.

      ...cosa che non potrai assolutamente fare con questo La Cronaca degli Insetti Umani, che anzi è destinata ad un pubblico maturo :)

      Grazie mille per il tuo commento Eug!^^

      Elimina
  6. Bellissima recensione e bellissimo volume! Io lo ho letto di recente e ne sono rismasta davvero ammaliata! Rappresenta davvero qualcosa di unico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valentina! ^^
      Sono molto contento che il volume ti sia piaciuto.
      Non è una storia facile né facilmente fruibile e rappresenta il "lato oscuro" della narrazione di Tezuka (insieme ad altre opere durissime come Ayako o MW o altre ancora...), ma secondo me vale davvero la pena di leggerla.
      Come dici tu: è qualcosa di unico!
      Grazie ancora e a presto! ^^

      Elimina