mercoledì 16 ottobre 2013

Flowers

FLOWERS_cover

Flowers

di Saki Okuse

volume unico
brossura, sovraccoperta, pag. 192

seinen, horror, sex

Euro 5,90

GP Manga

E' la seconda volta, nel giro di pochissimi mesi, che mi capita di acquistare un manga d’istinto, solo per la bellezza dei disegni dopo averlo velocemente sfogliato in fumetteria, e di capirci molto poco durante la lettura. [1]
Acquisto sbagliato dunque?
No, per nulla.

Flowers_rumoroso

Lo scopo principale dell'acquisto è stato il desiderio di godermi quei disegni, che così come mi hanno immediatamente intrigato, altrettanto hanno mantenuto la promessa lungo tutto il manga: per i miei occhi e il mio (variegato e confuso, lo so) senso estetico, Flowers è un gioiellino.

Non conosco l’autore Saki Osuke e dunque non so dire se questo “seinen a forti tinte horror” – come lo pubblicizza l’Editore – rientri nel suo abituale modo di costruire storie o se si tratta di un esperimento a sé stante, ma ciò, ribadisco, non inficia in nessun modo la godibilità estetica di Flowers.

Che è un volume unico composto da 5 episodi autoconclusivi, ma anche concatenati, in qualche oscuro modo, gli uni agli altri.

Flowers_eyes

I 5 racconti (Reset, Candy, Sky, Fellatio e One) sono ambientati in un mondo permeato di violenza, abusi sessuali, bambole viventi, gender bender, squallore, morte e un insopportabile, apocalittico senso di decadimento e di completa assenza di speranza. A ben pensarci potrebbe quindi essere proprio il nostro mondo quello che fa da sfondo ai deliranti accadimenti narrati.

I disegni, come dicevo: splendidi!, contribuiscono in massima parte al senso di opprimente soffocamento e disperazione che il manga comunica. A cominciare proprio dalla bella copertina: un volto di ragazza, due enormi occhi che ti guardano dritto in faccia, guardano proprio te che stai leggendo, sfogliando, guardando il volumetto; occhi freddi, ambigui, che sembra ti prendano qualcosa, invece di comunicarti qualcosa…

Flowers_doll

I personaggi, i cui sentimenti sono difficilmente classificabili (tranne per una comune, fortissima pulsione di morte che l’autore riesce a trasmettere fino a che questa si insinua sotto la pelle di chi legge), hanno occhi perennemente fissi e sbarrati e in più d’un caso si fatica a capire se parliamo di persone o di automi (sessuali).

Nel primo racconto – Reset – sembra iniziare in media res, come se chi legge dovesse essere già a conoscenza del contesto, di un “qualcosa” di losco, marcio. La protagonista, Fuyu, una giovane donna dallo sguardo crudele e affranto, sta fuggendo con un amico. La sua fuga è costellata di violenza, omicidio, sesso. Non ho compreso altro di questo racconto.

Flowers_amante

A seguire Candy che inizia con il metallico rimbalzo di un proiettile. Protagonisti di questo stranissimo racconto sono l’efebico Neiru (forse il cognome è Matsubara, ma non ci giurerei) e una sex-doll (“Il manichino, lo scarto industriale, era una puttana”). O forse è una persona? Forse non c’è molto da capire, forse è solo un racconto delirante di sesso, prostituzione, sesso violento e morte.
E alla fine di Candy riappare anche…

…che ricompare di nuovo in Sky, il terzo episodio del volume, o forse le somiglia soltanto? Madre e figlia prostitute, domande-koan da yakuza, sesso subìto (o voluto?), fantasmi e litri di sangue che però a quanto pare qui non è sinonimo di morte… Tutti muoiono in questo manga, ma non muore mai nessuno… Che diavolo significa?

Flowers_anf_anf

E perché il quarto episodio s’intitola Fellatio, quando la fellatio, terribile, appare nell’episodio precedente? Non capisco, ma mi godo il senso di straniamento e l’orrore che queste strane storie mi procurano, non mi faccio troppe domande, rileggo l’intero volumetto due, tre volte, ma non capisco molto più di quanto ho “capito” alla prima lettura. Eppure continuo a trovare questo manga così bello!

In Fellatio torna Fuyu e torna anche Neiru, e parecchie pistole disegnate iperrealisticamente, minacciose e speso puntate direttamente contro di me che sto leggendo. Comincio a intuire, e così mi basta per ora, un collegamento temporale – non necessariamente lineare – tra i racconti di Flowers.

Flowers_mmm

L’ultimo titolo è One e ritroviamo tutte e tutti (ma non per questo le/li conosciamo meglio), oltre a Malattia, altro Sesso, Pistole, forse un Figlio, Travestiti, Bondage, Chi non è Quel che Sembra… e il manga è finito e lascia dentro una sensazione di sporcizia. Dicessi che è del tutto spiacevole, mentirei.

Ho citato così tanto i disegni per poi, alla fine, non dire niente su di essi… tipico mio! Qualche vignetta, “tagliata”, la vedete qui a corredo delle mie parole, sempre tenendo conto che lo scanner di casa non potrà mai rendere al meglio (anzi!). I disegni sono di tipo realistico per quanto riguarda le persone – con qualche ovvia e sacrosanta concessione a noti stereotipi, funzionali comunque all’atmosfera. Alcune tavole sono piene di macchie nere (molto sangue…) e la cupezza è resa dall’autore anche dall’alternanza tra bianchi e neri, presenti anche tanti grigi e retini. Le persone – e le bambole, qualunque “cosa” esse siano – hanno tutte un aspetto potente, iconico e magnifico, anche nella loro eventuale “bruttezza”. La natura è (poco) presente con alcuni degli scenari più lividi e corrotti che abbia visto recentemente.
Buona lettura.

Orlando Furioso

P.S. Evidentemente non è un manga consigliabile a chiunque (eviterei, tra l’altro, che finisse in mano a bambini/e, ci sono parecchie scene di sesso esplicito e non propriamente “sereno”) anche se la copertina, molto accattivante con quei grandi occhioni viola, può dare adito a errate “classificazioni”. D’altronde, è anche vero che basta una sfogliata per rendersi conto che non ci troviamo davanti ad un manga leggero o poco impegnativo…

Flowers_bandella

Note:
[1]
La prima volta mi è successo con un manga edito da Magic Press: Kerberos & Tachiguishi, di Mamoru Oshii e Mamoru Sugiura. Disegni meravigliosi! …ma non ci ho capito quasi nulla (prometto però di rileggerlo presto!). C’è da dire che questo manga fa parte di una saga per la maggior parte inedita in Italia. Non conoscendo nulla della saga in questione, credo sia abbastanza normale aver capito poco del manga…

19 commenti:

  1. Non sapevo nemmeno della sua pubblicazione (ormai ne spuntano così tanti che mi perdo sempre qualcosa).. se mi capita di trovarlo in fumetteria gli do un'occhiata.. è un genere che non mi dispiace leggere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero Nyu, escono tonnellate di manga e non si può certo seguire tutto^^
      Nemmeno io fino all'altro ieri sapevo dell'esistenza di questo manga: è stata la copertina ad attirarmi, su un banco del mio fumettaio, tra le mille e mille altre.
      Devo dire che anche se ci ho capito poco, continuo ad essere più che soddisfatto dell'acquisto!
      Mi è già capitato di leggere storie che anche se non comprendo appieno "mi comunicano" comunque qualcosa (talvolta anche a livello profondo!) e Flowers è una di queste.
      Tra l'altro io l'ho visto nel banco delle novità, ma sul sito della GP lo danno uscito da luglio!!!?
      Se lo trovi, spero che lo apprezzerai!^^
      Grazie per la tua visita e per il tuo commento.
      Ciao
      Orlando

      Elimina
  2. LOL manco io lo sapevo! Essendo un volume unico magari lo provo ;) ti farò sapere^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caroline, vedo che questo Flowers era davvero ben pubblicizzato! :-D
      Beh, l'importante è averlo scoperto^^
      Se lo provi, mi piacerebbe tantissimo sapere cosa ne pensi, perché credo che sia un qualcosa di particolare e con un impatto forte e mi piacerebbe sapere come altre Persone l'hanno percepito.
      Grazie per la tua visita e per il commento!
      Ciao
      Orlando

      Elimina
  3. Preso e letto!
    L'ho trovato molto interessante, criptico ma non del tutto incomprensibile. Appena ho un secondo lo rileggo che merita una lettura senza l'ansia di "devo vedere come finisce!" ^^
    Il personaggio che più mi è piaciuto è Neiru con la sua bambola manichino rotta ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il mio personaggio preferito è Neiru, con quei suoi occhi pazzeschi allucinati! ^^
      Immaginavo potesse piacerti, credo sia abbastanza il tuo genere: c'è il sangue! :-DDD
      Battute sceme a parte: concordi sulla bellezza dei disegni? O ti sono piaciuti così-così?
      L'ho riletto per l'ennesima volta ieri sera e un qualche (lievissimo) barlume di comprensione in più si è fatto strada tra i miei tre neuroni e mezzo ^^
      Grazie per la tua visita per per il commento!
      Ciao
      Orlando

      Elimina
  4. Complimenti per il commento-recensione :)
    neanche io sapevo dell'esistenza di questo volume, ma confesso che per me il catalogo Gp è praticamente ignoto °_° il che mi dispiace >.<

    Il volume sembra interessante, ma temo non sia molto il mio genere :/ troppo horror/violento per i miei gusti...mi impressiono abbastanza facilmente, quindi con questo tipo di storie procedo con i guantini e in punta di piedi. Poi se ci sono anche difficoltà nel comprendere il contenuto finirei solo per innervosirmi. Ammetto che se non capisco appieno una storia, anche a modo mio, non trovo la lettura soddisfacente >-<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e come immaginavo sarebbe piaciuto ad Acalia, così immaginavo che tu Millefoglie non fossi esattamente il target di Flowers ^^
      Francamente, non te lo consiglio, non tanto per le scene esplicite (in realtà sono abbastanza "confuse", graficamente parlando, e risultano quindi meno impressionanti), ma per l'atmosfera veramente corrotta e apocalittica che si respira...
      Ti dico solo che subito dopo, per "rallegrarmi" un po', ho letto Unmei no Tori della Takahashi :)
      (che peraltro ho trovato proprio bellino!)
      Ciao e grazie per la tua visita e per il commento^^
      Orlando

      Elimina
    2. Vedo che cominci a capire benissimo i miei gusti! :)
      Le scene esplicite le leggo senza troppi problemi, ma quando sono unite alla violenza ho qualche difficoltà, poi se si aggiunge anche questa atmosfera...non penso faccia per me, per l'appunto :/ Non ho ancora cominciato Berserk proprio per questo motivo, pur non vedendo l'ora di conoscere meglio la storia! >.<
      Unmei no Tori sembra carino! *^* Non ho mai letto nulla della Takahashi, ma conosco un po' Inuyasha e Ranma ^^
      Grazie a te! :)
      A presto! ^^

      Elimina
  5. Io pensavo fosse una serie in più volumi, quindi l'ho praticamente ignorato (prima di iniziare una nuova serie targata GP ci penso bene, visti i suoi trascorsi). E invece scopro grazie a te che è un volume unico, e per di più, pare interessantissimo!
    Non conoscevo l'autore, ma poi ho visto che è attivo anche come sceneggiature, e molte opere da lui scritte sono state pubblicate in Italia (Daydream, Monophobia, Blood Sucker).
    Grazie Orlando, riesci sempre a colmare le mie mancanze! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yue sono felice di esserti stato utile^^
      Se prendi Flowers, e se ne avrai voglia, mi piacerebbe tanto sapere poi cosa ne pensi.
      Io non conosco (ancora) le sue opere come sceneggiatore, ma potrebbe essere interessante approfondire...
      Grazie a te per la tua visita e il tuo commento^^
      Ciao
      Orlando

      p.s. DELIZIOSO il Follower Day n. 9 sul tuo Blog :D

      Elimina
  6. Recensione e informazione mooolto interessante, grazie della dritta, Orlando.
    Chiederò a Danito di tenermene una copia da parte. Ti dico solo che le sensazioni che ti ha suscitato Flowers, sono quelle che vorrei suscitare anch'io con una storia breve :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura^^
      Sì, credo che ti piacerà!
      Ti dico che io non vedo l'ora di leggere una storia tua, ché sei strabravissima!!!
      Baci!
      Orli

      Elimina
    2. Grazie, Orli sarai il primo ad essere avvertito non appena ricomincerò a disegnare pagine mie a fumetti. Per il momento siamo al lavoro su storie religiose... ma non credo l'argomento ti possa interessare!! :D :D Un abbraccio e a prestissimissimo!!

      Elimina
    3. Io ricordo con amore un manga autoconclusivo di Suehiro Maruo intitolato: "Il vampiro che ride". Ero rimasta affascinata dalla crudezza delle immagini immerse in una storia claustrofobica in cui i protagonisti cercavano di sopravvivere, mentre degli svogliati e violenti adolescenti così detti "normali", conducevano una vita insulsa perpretando violenze psicologiche che la società stessa gli imponeva. La salvezza poteva forse arrivare dalla mostruosità, ma per averla il prezzo da pagare era altissimo.

      Hai mai letto questo fumetto?

      Elimina
    4. Laura, l'ho sfogliato diverse volte... e mi ha sempre inorridito e affascinato al tempo stesso!
      Ma no, non l'ho mai preso né letto... :-(

      Elimina
    5. Ce l'ho qui a Torino e se vuoi te lo presto!! :)

      Elimina
  7. Finché ti spinge a fare acquisti casuali e non programmati (ma con belle sorprese, a quanto leggo), la fumetteria mantiene il suo senso di esistere :-)
    E' il fascino della libreria\fumetteria cartacea, che (?purtroppo?) sono invece troppo vecchio per provare di fronte a uno schermo. Capita anche a te?
    O il nome del blog è destinato a perdere prima o poi "di carta"? :-D
    Eug

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aristarco, per un bambino come me la fumetteria è una sorta di rappresentazione terrena di un ipotetico paradiso... con la differenza che lassù i fumetti sarebbero gratis! :-D

      Per quanto riguarda l'ormai annosa quaestio "carta vs monitor"... sarò sincero Aristarco: all'e-book reader mi sono parzialmente convertito (un es. "Tragici Greci - tutte le tragedie di Sofocle, Eschilo, Euripide ecc." in e-book a euro 1,99... Beh, ovviamente ho ANCHE l'edizione cartacea!^^),, mentre per i fumetti sono tenacemente ancorato al cartaceo, anche se per CERTE COSE, es. fumetti introvabili, esauriti, super-rarissimi, per documentazione storica ecc., l'alternativa è o il digitale o niente.
      E oggi siamo troppo viziati per scegliere un coerente "niente".

      Nessun fumetto commentato qui è però digitale, sono tutti sudati acquisti cartacei, presi in quel paradiso terrestre che è la fumetteria XD

      Grazie per la tua visita e per il commento, Aristarco!
      Ciao
      Orlando

      Elimina