martedì 10 gennaio 2012

New Ultimates: Thor rinato

Ultimate Comics nn 5 – 6 – 7;
di Jeph Loeb (storia),
Frank Cho
(disegni),
Jason Keith
(colori);
cad. 48 pag, 3 euro – Panini Comics

.


Oggi sono qui per consigliarvi l’acquisto di Ultimate New Ultimates, miniserie firmata da Loeb e Cho, che rispolvera i Vendicatori dell’universo alternativo della Marvel Comics dopo gli eventi di Ultimatum.
.
Punto forte della miniserie: le tavole di Frank Cho, l’autore della divertente comic strip Liberty Meadows (pubblicata in Italia da Salda Press) ci delizia con tavole pulite e godibili, e con illustrazioni perfette e notevoli. Dimostrando d’essere più che in grado di gestire più di tre vignette alla volta.
.


Al di là delle sue ormai famose prosperose pupattole – fantastica a tal proposito la sua Zarda, semplicemente “tanta”, come direbbe qualcuno – Cho butta giù per l’occasione una serie di bellissime tavole, con frequenti splash-page ricche di particolari che si lasciano decisamente ammirare, complici i coloristi,  Keith e Anderson, che aggiungono corposità alle sue figure che di solito preferiscono il bianco e nero, e che comunque quando sono colorate presentano una colorazione abbastanza sbrigativa ed anonima (vedi Liberty Meadows)
Merito del godibile lavoro grafico di Cho è anche un Loeb, particolarmente ispirato, che sembra confezioni per l’artista una sceneggiatura  a misura della sua matita, infatti non mancano gli elementi che Cho adora  disegnare: draghi, le due tigri di Ka-Zar ed Orchi nerboruti a palate. Collaborazione già vista tra l’altro  di recente sulle pagine di Hulk, in cui ha sostituito McGuinnes nelle prime storie di Red Hulk.
.
.

Direi che con questa miniserie, Loeb si fa perdonare le sue pessime incursioni nell’ universo Ultimate: Il suo Sesso bugie e DVD ed il suo veramente orrido Ultimatum. Che come se non bastasse, come aggravante, ebbero la sfiga nera di seguire i capolavori di Millar, vale a dire quelle prime due stagioni di Ultimates disegnate da Hitch di cui si parlerà nei secoli dei secoli amen e che sembra Millar sia incapace di ripetere.
Thor Rinato invece ha tutti i pezzi al posto giusto per essere considerato una lettura piacevole, lungi da me, paragonarlo a pietre miliari, ma in mezzo a tutto questa mediocrità sopravvalutata dilagante, è già tanto trovare qualcosa che vi prenda tanto da farvi arrivare alla fine di un albo, invece che lanciarlo dalla finestra dopo poche pagine.
Pubblicato dalla solita Panini su Ultimate Comics nei numeri 5, 6 e 7, il ritorno di Thor, (che era rimasto nel regno dei morti per salvare la sua ragazza, Valchiria, morta nell’inondazione operata da Magneto durante il mega-evento Ultimatum) vanta tutti gli ingredienti classici del fumetto supereroistico, c’è il super-cattivo con il piano audace e geniale, c’è la bella, anzi direi che le belle non mancano, c’è l’introspezione, che da Loeb non ve la sareste mai nemmeno sognata, c’è persino l’amore, ed un finale lineare. Mica poco.
.
Bella la retrospettiva che Loeb scrive per Barbara Norris aka Valchiria, belli tutti i dialoghi, e le caratterizzazioni dei personaggi, particolarmente riusciti i suoi Occhio di Falco e Capitan America, molto fedeli alla loro “cronologia-psicologica”. Chi si discosta sempre più da ciò che era, è proprio Thor, un peccato, perchè storie dopo storie il Tonante, somiglia sempre sempre più al Dio Asgardiano dell’universo titolare, e sempre meno all’eco-terrorista ipotizzato da Millar.
La paura di spoilerare troppo sulla trama frena la mia lingua, però posso dire che come miniserie è decisamente migliore del pattume che ci sta rifilando Millar sui suoi Ultimates Avengers (di cui abbiam parlato troppo bene troppo presto, in questa stessa sede, mea culpa.)
Come detto la storia è lineare, certo il super-piano del super-cattivo è molto Golden Age, molto “tanto rumore per nulla”, ma d’altronde anche una bistecca cucinata male, pare appetibile se ben impiattata. Quel che conta è che Loeb non si perde nella caciara solita, ma dosa bene i vari elementi fino all’ ultima pagina, tenendo bene il ritmo. Ed alla fine, il risultato si fa decisamente leggere.
Miniserie promossa insomma, meglio questa che i Vampiri di Millar, e dall’incipit letto, sembra meglio anche dei nuovi Ultimate X-Men, la mini di Loeb e Adams che rilancerà i mutanti ultimate.
Pagella  finale: Buono per la storia e Ottimo per i disegni.
Baci ai pupi.

.


3 commenti:

  1. (Riporto qui sotto i commenti originariamente apparsi sul blog di Fumetti di Carta presso comic-soon. ndOrlando)

    davide scrive:
    gennaio 8, 2012 alle 11:29 am

    la recensione ci sta, le tue vaoluatzioni sono giuste. unica cosa, in mezzo a tutta questa mediocrità solo una mini merita vermente? perchè non prendere questi autori e metterli su una serie? perchè andare avanti a miniserie e tante mediocrità? la DC nei ultimi anni su queste cose è molto più attenta!

    RispondiElimina
  2. Gennaro Cardillo scrive:
    gennaio 9, 2012 alle 3:18 pm

    Grazie Davide, mi trovi d’accordo, ma non possiamo sapere come sono le politiche sugli ingaggi degli autori, personalmente farei disegnare molto di più ad uno come Cho, comunque è vero che le serie regolari sono vittime di paurosi bassi-alti-bassi…e ci vuole il bastone rabdomante a beccare qualcosa di decente.

    RispondiElimina
  3. Cho è davvero uno dei migliori per quanto riguarda le figure femminili, dovrebbero fagli fare anche di più- secondo il mio modesto parere.

    RispondiElimina