lunedì 14 marzo 2011

SERGIO TOPPI – Sulle Rotte dell’Immaginario

Sergio Toppi:
Sulle rotte dell'immaginario


12 (+ 2) volumi brossurati,
b/n e colore,
oltre 200 pag. caduno

euro 9,90 cad.
Periodici San Paolo,
in collaborazione col
Museo Italiano del Fumetto e dell’Immagine
di Lucca

allegati a Il Giornalino e a Famiglia Cristiana



*   *   *
Vengono chiamati “allegati” perché vengono venduti in allegato a un quotidiano o a una rivista; sono le collane di volumi a fumetti che, a partire dall’iniziativa del quotidiano La Repubblica del 2004 , inondano le edicole e provocano dibattiti. “Questi allegati fanno bene al fumetto”, “Fanno male al fumetto”, “Aiutano le vendite dei fumetti”, “Non spostano le vendite dei fumetti” (dei fumetti “non-allegati, evidentemente), “La gente li compra ma poi non li legge”, “L’importante è che quei volumi siano nelle case, qualcuno – non necessariamente chi li ha acquistati – li leggerà”. E via dicendo…


Certe collane, al di là di ogni dibattito o posizione preconcetta, sono state delle benedizioni per i lettori appassionati che hanno potuto avere in casa l’opera omnia del Tal autore senza dover spendere una fortuna.
Certe collane, per chi scrive, sono più “benedette” delle altre… e non perché la Casa Editrice in questione – il Gruppo Editoriale San Paolo – abbia un santo nel proprio nome, ma perché la riproposizione, o la vera e propria proposizione ex novo, a prezzo popolare, di gran parte dell’opera di un Maestro del fumetto mondiale come Sergio Toppi, deve essere accolta da ogni vero appassionato di fumetti come un’occasione imperdibile!
.
A tutt’oggi sono usciti in edicola i primi due volumi – domani 11 novembre esce il terzo! – della collana Sergio Toppi – Sulle Rotte dell’Immaginario, che sarà formata in tutto da 12 volumi (più due conclusivi sul 150° “Storie dell’Unità d’Italia”) e il piacere che hanno già sparso negli occhi, nei cuori e nelle menti di chi ha avuto il buon senso di acquistarle è già enorme. Senza esagerazioni.
Serve forse ribadire che autori come Walter Simonson, Frank Miller, Howard Chaykin e Tom Palmer considerano l’opera di Sergio Toppi una preziosa fonte di ispirazione? Serve forse stilare un elenco (sarebbe interminabile!) delle pubblicazioni, riviste, giornali, periodici ai quali Sergio Toppi ha collaborato? Serve una “recensione”, considerando che “recensire” un Maestro come Toppi richiederebbe una dose di presunzione che qui non è di casa?


Serve solo andare in edicola e poi tornare a casa, accomodarsi in un posto confortevole e, senza distrazioni esterne, cominciare a viaggiare, guidati da un Nocchiero d’eccezione, come ce n’è pochi al mondo…
I primi due volumi, Africane e Mediterranee, dimostrano cosa possiamo aspettarci dalla collana: sontuose, magnifiche  illustrazioni a colori e in bianco e nero ognuna delle quali parla il linguaggio dell’Avventura, e storie a fumetti, a colori e in bianco e nero anch’esse.

Le illustrazioni di Toppi sono capaci di descrivere l’Avventura nel senso, contemporaneamente, di interiorità/intimità e di viaggio per il mondo e attraverso la Storia: alcune delle sue illustrazioni pare guardino negli occhi l’osservatore per comunicare qualcosa di sacro; talvolta parlano con ferocia, quasi sempre con solennità, sia che raccontino il grande condottiero o l’ultimo degli umili.
Ricchissime di dettagli che s’intersecano l’uno nell’altro senza nulla togliere alla leggibilità, sempre potenti ed evocative.



Le storie a fumetti cominciano, nel primo volume – Africane - con L’Obelisco Assassino, della serie Il Collezionista. Storia di uomini, guerra, deserto infuocato… Come sempre Toppi predilige una costruzione della tavola che sia il meno impastoiata possibile, che gli consenta di esprimere una narrazione in cui le cose avvengono quasi “in contemporanea”, alternando vignette mai incasellate in rigidi schemi, con splash-page che allargano gli orizzonti della pagina.


Altre bellissime illustrazioni ed è la volta de L’Uomo del Nilo, della serie Un Uomo, Un Avventura, con Decio Canzio ai testi.
E si va avanti così, con Notte Africana, a colori, coi testi di Roberto Dal Prà; M’Felewzi, per arrivare quindi al secondo volume – Mediterranee - con le storie Caterina da Siena, Galileus, Verrà Orlando ecc. ecc.

Le introduzioni ai volumi sinora usciti sono a cura di Stefano Gorla, direttore de Il Giornalino, e Angelo Nencetti, direttore del Museo Italiano del Fumetto e dell’Immagine di Lucca.
Una collezione di meraviglie, scrigno di incantamenti, festa per gli occhi, viaggio per la mente, emozioni per il cuore.



Altri Collegamenti Esterni:

- Piano dell’opera Sergio Toppi Sulle Rotte dell’Immaginario

- Intervista a Sergio Toppi a Lucca Comics 2008




Nessun commento:

Posta un commento