mercoledì 24 novembre 2010

Guida illustrata al frastuono più atroce

GUIDA ILLUSTRATA AL FRASTUONO PIU' ATROCE, di 31 AA.VV.
brossura, b/n, 96 pag. - euro 10,00 - Lamette Comics
 .
Non è esattamente la cosa più semplice al mondo - e nemmeno la più usuale - quella di prendere 31 autori di fumetti, mettere insieme le loro 31 storie-non-storie aventi come tema il Rock'n'Roll e sfornare infine un volume dalla qualità così elevata.
Beh, Simone Lucciola di Lamette ce l'ha fatta.
(E anzi: sta per uscire il volume n. 2 di Guida illustrata al frastuono più atroce)

Forse il fatto che il Rock'n'Roll e i suoi miti, strafamosi o meno che siano, costituisca una fonte inesauribile - e a tutt'oggi poco sfruttata, perlomeno in Italia - di idee, sensazioni e illuminazioni ha facilitato la profusione di passione e fascino che permea l'intero volume.
Sarà anche che immagine e Rock'n'Roll sono da sempre indissolubilmente legati l'una all'altro. L'immagine è anzi uno dei fondamenti del r'n'r, sia da un punto di vista meramente estetico (intere carriere di musicisti o di popstar non sono forse state costruite e basate quasi interamente sull'immagine?) che da un punto di vista simbolico e in taluni casi simbiotico: non sono forse certe copertine di album rock tra le immagini più belle e più indelebili e radicate in un immaginario collettivo a metà tra underground e mainstream, tra desiderio di ribellione e fuga dalla realtà?

.Akab "RESIDENTS", da 'Guida illustrata al frastuono più atroce' - Lamette Comics

La tradizione psychedelica è formata in egual misura da musica e immagine: a testimoniarlo abbiamo i gloriosi manifesti dei concerti di Stanely "Mouse" Miller, Wes Wilson, Rick Griffin, per non citare che gli autori più noti. I manifesti e i disegni delle prime fanzine controculturali, il cui soggetto principale era la musica rock, erano e sono importanti tanto quanto la musica delle band.
E per restare in Europa abbiamo le copertine dei dischi jazz disegnate da Guido Crepax e gli indimenticabili dipinti di Roger Dean, pittore ambito da dozzine di gruppi progressive e hard rock...
Ma torniamo alla Guida illustrata al frastuono più atroce, titolo geniale che mima la raccolta di saggi ("saggi"?!?...) del Più Grande Critico Rock di tutti i tempi, quel Lester Bangs che tra un paio d'anni sarà morto da trent'anni.
E' meglio amare il Rock'n'Roll per godersi al meglio questo volume, ma se non lo si ama - che peccato! - ci si possono godere i fumetti dei 31 disegnatori.

MP5 "RAMONES", da 'Guida illustrata al frastuono più atroce' - Lamette Comics

31 microstorie - anche se "storie" non è necessariamente il termine più adatto alla maggior parte di esse - tutte di grande intensità, la si percepisce chiaramente anche dalle scelte dei soggetti: Velvet Underground, Captain Beefheart, Residents, Devo, Germs... fino ad arrivare ai Brutos, un fenomeno degli Anni 60 tutto italiano di cui si sta perdendo memoria, se mai la si è avuta. La scelta degli artisti e delle bands da rappresentare è quindi sicuramente dettata dalla passione, altrimenti non si giustificherebbero scelte come quella di raccontare Klaus Nomi o Atari Teenage Riot, Truzzi Broder o Wretched [coi quali, sia i primi che i secondi, chi scrive ha avuto il piacere di condividere palchi in tutt'Italia nei gloriosi Anni 80...], scelte cioè non dettate dall'appeal o dalla notorietà.
.
Anche quando la scelta della band è più mainstream - RHCP o Damned o Motorhead ad esempio - le microstorie sono intrise di grande amore, passione e intensità oltreché di una qualità grafica che non ha davvero nulla da invidiare a produzioni, appunto, anch'esse più mainstream.
Gli stili grafici e di approccio sono estremamente diversi l'uno dall'altro e questa è già di per se' una ricchezza del volume. Gli autori hanno fama diversa, maggiore o minore, l'uno dall'altro ma nella Guida Illustrata godono di medesima importanza e anche questo fattore denota diversità - in meglio - dalle produzioni mainstream, specie in un momento come questo nel quale molti fumettisti manifestano ambizioni da rockstar e come queste ultime, ma non certo coi loro stessi numeri, si circondano di seguaci fanatici e leccaculo.
Inutile citarli tutti, gli autori (e i musicisti): andando a visitare il sito di Lamette ci si toglierà ogni curiosità in merito. Curiosità che sarà ancor meglio soddisfatta con l'acquisto e la lettura della Guida Illustrata, per quanto mi riguarda i 10 euro decisamente meglio spesi negli ultimi tempi.



Nessun commento:

Posta un commento