sabato 13 marzo 2010

Pornografica Explicit Art


Pornografica Explicit Art di AA.VV.
Copertina morbida, 13,5x21 cm, 28 pg. colori - 7 pg. b/n
Lingua italiano/inglese - 12 euro - Libriaparte

"Da secoli il disegno ha a che fare con nudi e anatomie, con aule gremite di occhi che osservano avidamente e cercano di imparare forme ed espressioni.
E da altrettanti secoli la pornografia fissa spudoratamente lo sguardo all'interno delle cose.
Fra loro esiste un patto antico. Guardare!"
[dall'introduzione a Pornografica]

Quello di cui parliamo non è un fumetto, è un bellissimo oggetto. Un libro, per le dimensioni, perché appare come un libro e perché come un libro si apre e si può, in un certo modo, sfogliare. Un libro illustrato, perché contiene splendidi disegni e illustrazioni. Non è un libro per tutti, il titolo è ovviamente indicativo al proposito.



Alcuni degli autori delle opere contenute in questo libro-oggetto hanno o hanno avuto a che fare con il fumetto e alcune delle figure della collezione potrebbero far parte di un immaginario fumetto sul sesso. Qui finiscono le analogie e i punti di contatto col fumetto.

La raccolta si presenta con la splendida copertina/contenitore di Gianluca Costantini, rosso su sfondo nero all'esterno, bianco su sfondo nero all'interno: un pene, gigante o piccolissimo a seconda dei punti di vista, umano o alieno o divino, sta solo a chi guarda deciderlo. Un pene che cambia forma e significato se si cambia il lato della visuale: una mappa, una piramide gocciolante, un vulcano che erutta, un tempio eretto, una faccia buffa o inquietante; spermatozoi e filo spinato, l'arco di una chiesa gotica, missile in partenza per uno spazio pieno di vita; alla radice del pene due pianeti infuocati. Naturalmente è un maschio colui che sta guardando in questo momento ed è maschile il punto di vista. Ma gli stessi generi e i loro appigli vanno un po' in confusione quando si legge il titolo dell'opera di Costantini (un uomo): "Oggi non sono creativa" (2008), pennarello su carta.
Un disegno che spiazza non solo per il titolo, ma perché non ci si abitua facilmente e subito a guardare un pene gigante sulla copertina di un libro-oggetto che si intitola "Pornografica. Explicit Art". E a trovare tutto ciò splendido.

Questo è un libro, una raccolta di illustrazioni, che vivaddio esce volutamente e trionfalmente dalla logora, falsa e moralista dicotomia "erotismo - pornografia", buona tuttalpiù per un dibattito in oratorio, sortendo così effetti catartici ed emozioni liberatorie, uno schierarsi (o inorridire, la scelta è personale) a favore del desiderio e di un umano-troppo-umano che necessariamente contempla sia il godimento che il decadimento, il piacere e la morte. Proprio come la (è) vita.
Ma si tratta di arte, non di filosofia, sia chiaro.

Le illustrazioni, i disegni, si allineano, scorrono lungo il cartoncino pieghevole a sette ante; finito un lato si gira il cartoncino e le figure continuano, come in una giostra, senza un "prima" né un "dopo". Dopodiché si passa al secondo cartoncino pieghevole a sette ante, altri disegni, altre figure di carne e segni e la giostra oscena riparte per un altro giro di emozioni.
Le figure sono numerate perché si possa risalire all'autore o all'autrice e al titolo dell'opera; le posizioni del sesso non hanno un ordine prestabilito e viaggiano esclusivamente lungo i binari del desiderio e della/e fantasia/e.
Sono figure oscene, volgari, pornografiche, eccitanti, buffe anche, tutte molto, molto belle che raccontano e mostrano (fanno entrambe le cose!) perché sono fatte per essere guardate e godute, a lungo.

E' impossibile descrivere qui le figure, di mille stili diversissimi tra loro, sarebbe imbarazzante usare metafore "non vietate ai minori" e il risultato non renderebbe; ma per uscire dall'empasse è sufficiente ordinare questo bellissimo libro/oggetto, che ha un prezzo irrisorio per quello che vale.

Buone visioni.

Fumettidicarta non è un sito con restrizioni ai minori, quindi non ci è possibile mostrare integralmente nessuna delle immagini contenute all'interno del libro, che - ricordiamo - è vietato ai minori di anni 18.

Orlando Furioso - gennaio 2009 - l'articolo su fumettidicarta e link ai siti degli autori/autrici