venerdì 29 gennaio 2010

AMAZING SPIDER-MAN di Howard Mackie | John Byrne




AMAZING SPIDER-MAN 

di Howard Mackie e John Byrne



La volta scorsa eravamo rimasti a SPIDER-MAN: CHAPTER ONE, la miniserie di John Byrne del 1998/99 che ridefinì le origini dell’Uomo Ragno.

Come anticipato nel precedente articolo, quella fu solo la prima fase del rilancio ragnesco voluto dalla Marvel sul finire del decennio scorso. 

La seconda fu la chiusura delle testate regolari del Ragnetto dell’epoca e la nascita di nuove testate.

Una breve premessa sarà utile per comprendere meglio il periodo...



NANAKO SOS di Hideo Azuma

NANAKO SOS 
[1 di 5] 

di Hideo Azuma


Bimestrale - 13x18 cm, 

brossurato con sovracopertina 
208 pg. b/n + 16 pg. a colori, 

5,90 euro 

Magic Press - Collana MX

"Certo che l'America è proprio eccezionale... Ha pure vinto la guerra!"
"Ma gli Americani non mangiavano le persone?"
[Nanako SOS - vol. 1]

Finalmente arriva anche in Italia, in un'eccellente edizione per i tipi di Magic Press, Nanako SOS, celeberrimo manga di Hideo Azuma.



mercoledì 27 gennaio 2010

Svastica di V. Sergi - C.Spano'




Svastica 


Valentino Sergi testi
Cristina Spanò disegni


2 albi spillati, 36 pg. cad. colore 



8,00 euro cad. 


King Komix







SPIDER-MAN: Chapter One di John Byrne




E’ tempo di rilanci per l’Uomo Ragno, e se siete fedeli lettori di Fumetti di carta saprete già tutto sull’ultimo revamp di Spider-Man, Brand new day, e su come la Marvel ci sia arrivata.

Accanto alla serie storica AMAZING SPIDER-MAN, che ora esce tre volte al mese ed è perfetta per i nuovi lettori, la casa editrice ha pubblicato anche una miniserie, che mentre scrivo è ancora in corso, intitolata SPIDER-MAN: WITH GREAT POWER..., che esplora i primi giorni di Peter Parker come Uomo Ragno, quando era ancora un lottatore e non pensava che sarebbe diventato un supereroe. 


E mi sembra anche giusto: ora che la serie storica è stata rilanciata, aggiornare le origini del personaggio è una mossa intelligente, utile per presentare lo Spider-Man degli esordi a chi si avvicina solo ora ad AMAZING.




DAITARN 3


Non se la prenda Go Nagai. Lo so che viene considerato lui il padre del genere robotico che per anni e anni ha avuto successo in Giappone. Non se la prenda, però io, a differenza di molti suoi fan, alla parola “robottone” il primo nome che associo non è né MazingaGrendizer/Goldrake, ma... Daitarn 3!

Ideato da Yoshiuiki Tomino e Hajime Yatate, Muteki koujin Daitarn 3 (“L’invincibile uomo d’acciaio Daitarn 3”, in Italia semplicemente Daitarn 3) è un serial animato di 40 episodi prodotti dalla Sunrise tra il 1978 e il 1979 sull’onda del successo delle famose produzioni nagaiane.

E Daitarn 3 sembra ricalcare, a prima vista, il modello tipico di questo genere... Terra invasa dagli alieni, pilota addestrato che si erge come paladino del pianeta contro gli invasori, un robot gigante...

Ma in realtà, Daitarn 3 non è solo un altro anime col robottone. La serie di Tomino e Yatate è, anche, una geniale presa in giro del genere, che riesce a fondere la serietà tipica di questi cartoni animati (la Terra è davvero in pericolo, non è certo uno scherzo) con una comicità surreale.