martedì 8 dicembre 2009

V FOR FUMETTO di aa.vv.

V FOR FUMETTO - Laboratorio Creativo di Fumetto Sperimentale di AA.VV. - Brossurato 28x26 cm, 64 pg. b/n e colore 12,90 euro - ProGlo Edizioni
La versatilità della Rete consente a chi la utilizza di essere non solo veloce, ma anche... lento, grazie al cielo! Si può dunque utilizzare Internet in modo opposto a quello per il quale è stato creato, ci si può prendere tutto il tempo che si vuole e magari questo permetterà di non rimpiangere troppo l'adorabile, e rimpianta, "lentezza" della carta, la carta di cui erano fatte le fanzine per esempio, per le queli l'importante non era "essere sulla notizia", ma "esserci".

Ed è appunto con un solo anno di "ritardo" (?...) che andiamo a raccontare qualcosa di questo bellissimo - eh sì, ci si sbilanci pure... - libro, per il quale qualsiasi attenzione non è mai "in ritardo", vista la sua validità, e non solo (non solo valido, cioè; ne parliamo tra poco).
Ci sono libri che servono a leggere meglio i libri, e film che aiutano a guardare meglio i film. Ci sono anche fumetti che aiutano a leggere meglio i fumetti, come ad esempio Understanding Comics di Scott McCloud, manuale sul fumetto, a fumetti, che ha forse il limite di essere eccessivamente didascalico, anche se naturalmente ciò non ne sminuisce l'importanza o l'utilità.

V for Fumetto è un libro un po' scritto e un po' disegnato - proprio come i fumetti! - (bilingue, peraltro, lodevolissima iniziativa) che parla di fumetti, della loro costruzione e della loro de-costruzione, del senso che hanno e della loro forza e potenza, ma lo fa senza essere minimamente didascalico ne' tantomeno noioso, anzi: diverte parecchio, anche se naturalmente ciò non ne sminuisce l'importanza o l'utilità :-)
V for Fumetto nasce come manifestazione di fumetto (non mostra-mercato) a Vasto, nel giugno del 2007 e il libro di cui parliamo è la documentazione di quell'esperienza, volta a studiare e a sperimentare il/sul fumetto, cioè essenzialmente sul suo linguaggio: appunto, Laboratorio Creativo di Fumetto Sperimentale.
L'introduzione-spiegazione di Giovanni Russo "Smontare il fumetto a tempo di jazz", molto colta e dotta, potrebbe scoraggiare un pochino il lettore meno colto e dotto, col suo citar Queneau e Ejzenstejn... Poi si girano un paio di pagine e cominciano i fumetti... e la prima tavola, creata in modo sperimentale da Davide Berardi e Sergio Algozzino fa, come dirlo in modo fine?, schiantare dal ridere. Ecco.
Ora, qui non si vuole essere didattici ne' particolarmente seriosi, ma già quella prima tavola insegna cose importanti sul fumetto, e quindi sui fumetti, più di certi manuali in commercio (o magari online).
Si continua quindi con gli altri autori del volume, in tutto otto: oltre ai già citati Berardi e Algozzino, ci sono Alessandra Criseo, Andrea Pelle, Susanna Raule, Davide Rigamonti, Armando Rossi e Daniele Tomasi, tutti sceneggiatori/trici e/o disegnatori/trici già noti agli appassionati di fumetti, sia per le loro opere che per i loro blog.
Il volume contiene una gran messe di esperimenti, tavole e vignette, frutto di combinazioni di autori e di una serie di "ostacoli" che costringono i/le partecipanti a usare creatività, fantasia, intelligenza e velocità di progettazione per costruire qualcosa di efficace, che presuppone la conoscenza dei linguaggi del fumetto.
...oddìo, detta così sembrerebbe una cosa un po' noiosa, ma è invece esattamente l'opposto!
Si provi per esempio a immaginare di ricevere una tavola di Rick Veitch, tanto per dire, ma "epurata" dai disegni, si ricevono cioè solo i testi nei balloon; e da lì, in poco tempo, ricreare partendo da quei testi nei ballooon una tavola propria.
I risultati sono tutti e sempre divertentissimi (e, repetita iuvant, utili), spassosi, da leggere e rileggere - e far leggere agli amici/che - e, incomma, ci voleva proprio qualcuno che lo facesse, questo volume.
Altri esperimenti sono "l'espansione" (ogni autore crea una vignetta e la passa a un altro autore che dovrà realizzare una striscia/tavola espandendo la vignetta di partenza), la "collettiva" (ogni autore crea una vignetta all'inizio di una tavola, l'autore successivo aggiunge una vignetta e così via), il "doppio cieco" (vedi esempio di Rick Veitch), il "metodo s + 7" e altri ancora.
I risultati sono ancora e sempre splendidi, imprevedibili, comici, drammatici (più spesso comici, bisogna dire... ^__^), utili per capire meglio e di più il fumetto e i fumetti non lo diciamo più ché senno' sembriamo arteriosclerotici.
Inoltre la cura editoriale che la ProGlo (Prospettiva Globale) mette in ogni suo prodotto è già felicemente nota, quindi dubbi sull'acquisto del volume non dovrebbero proprio essercene.
Un volume davvero prezioso per fumettisti, appassionati, curiosi e studiosi, che non deve mancare nella... e ora continuate voi!


 
Collegamenti Esterni: • ProGlo Edizioni