domenica 11 ottobre 2009

Gravetown - mar 2008


GRAVETOWN vol. 1 di: Paolo Zeccardo, storia, disegni, lettering e copertine;
Andrea Pistoia, revisione e supervisione testi

volume brossurato, b/n, cm 16 x 22, 100 pag. - EURO 8,00 Cagliostro E-Press - collana DownLoad

"A Gravetown ci sono 111.100 anime. A Gravetown non si vede quasi mai il sole. A Gravetown nevica spesso. A Gravetown il nero della fuligine dei camini si confonde con il nero delle anime dei suoi abitanti. A Gravetown il bianco della neve si riflette nella luce abbagliante che emettono gli occhi fiammeggianti di un angelo caduto. A Gravetown vive Vincent Nightly. A Gravetown vive Lost Amidale." -
Gravetown

Immaginate la città di Halloween, quella di Nightmare Before Christmas (il magnifico film d'animazione in step-motion diretto da Henry Selick e prodotto da Tim Burton), ma senza le risate dei bambini-mostro, senza tutta quella "vitalità", seppur mortifera, senza la banda e senza cani fantasma che abbaiano alla luna.
Immaginate una Halloween più cupa e dark, senza divertimenti, grigia e misteriosa e avrete un'idea dell'atmosfera che si respira in Gravetown.

Paolo Zeccardo, evidentemente cresciuto a pane & manga, riesce a creare con pochi e stilizzati segni un'atmosfera cupissima e claustrofobica che stringe l'anima come un paio di tenaglie di metallo nero.

Sono rimasto incantato da Gravetown sin dalla prima, rapida sfogliata data al volume mentre ero in visita allo stand della Cagliostro E-Press e Bottero Edizioni durante l'ultima Mantova Comics.

Mi piacciono molti manga e mi piacciono le cose dark, resto sempre affascinato dalla malinconia cosmica che si cela dietro una storia gotica e trovo che i demoni siano dei personaggi che, come il nero, stanno bene un po' dappertutto; mi piacciono i tratti cartooneschi e i disegnatori che con pochi segni riescono a creare un'atmosfera.
Tutte queste cose sono le caratteristiche costitutive di Gravetown e trovarcele dentro tutte insieme non può che farmi apprezzare, e molto, questo volume.

Altra cosa da apprezzare senza riserve sono, oltre la bella copertina a colori, le illustrazioni in bianco e nero a tutta pagina (che si possono ammirare a colori sul sito della Cagliostro E-PressGravetown è scaricabile gratuitamente, insieme a dozzine di altri fumetti, in formato pdf) nelle quali l'autore riversa tutto il suo amore e la sua passione per questo tipo di atmosfere. dove tutto

Vari tipi di immaginario, "nipponico" e non, convergono in questa storia: oltre a quello gotico/horror vi trovano spazio situazioni di sentimento profondo, una storia d'amore gay - tra Vincent Nightly, il protagonista della storia e Lost Amidale sono sicuro che non ci sia solo amicizia e la cosa mi fa molto piacere... - e poi ancora demoni e superpoteri, orfani e potenze misteriose, doppelganger e molti segreti da svelare.
Non si pensi a un'accozzaglia però, perché la storia, che prende a modello alcuni tipici stilemi narrativi giapponesi, funziona benissimo e le varie situazioni si incastrano perfettamente tra loro creando suspance e attesa.

Paolo Zeccardo dopo il diploma di liceo artistico ha frequentato la Scuola Romana dei Fumetti e si è dedicato quindi al disegno e alla pittura. Ha inoltre pubblicato delle illustrazioni per riviste pubblicate in Giappone.

Orlando Furioso