giovedì 11 giugno 2009

Novità fumettistiche 2005, ancora...


Il quarto appuntamento con le novità fumettistiche arriva dopo una primavera segnata dal lancio in edicola di diverse testate con fumetti vecchi e nuovi. Le sorprese dei mesi scorsi sono state senz’altro PP8 Paperino Paperotto di Stefano Ambrosio e Donald Soffritti, un mensile della Disney in cui vengono raccontate le avventure quotidiane di un Paolino Paperino che va alla scuola media e vive con Nonna Papera, e Sara e Pol di Serena Guidobaldi e Andrea Domestici, nuova proposta della Free Book che, con stile e colorazioni molto fresche e innovative tenta di coniugare la sit com famigliare da telefilm con le invasioni extragalattiche (alla Predator). Fra i fumetti stranieri va assolutamente citato Doraemon della Star Comics, un classico in Giappone ormai da decenni che arriva per la prima volta in Italia con una selezione delle storie migliori.
Sul versante delle ristampe la sorpresa più bella è stata Paperinik Cult, un mensile in formato pocket (il cui primo numero è tutt’ora in edicola, che ripropone le prime storie di Martina, Carpi, Scarpa e De Vita) in cui il personaggio, lontano dall’essere il supereroe che è diventato in seguito, imita gli antieroi neri che andavano in voga negli anni ’60 e si dà alla rapina e alla vendetta nei confronti di Zio Paperone e Gastone. Un’altra bella ristampa giunta da poco al secondo numero è Borderline (per la Free Books) di Carlos Trillo e Eduardo Risso. La serie, pur non essendo annoverata fra le maggiori dello scrittore argentino, si poggia su dialoghi ben fatti e su ottimi disegni e poco alla volta si libera dalla descrizione troppo stereotipata del rapporto d’amore/odio fra i due protagonisti. Infine è stata una sorpresa gradita la collana di Asterix in vendita in edicola con Panorama e TV Sorrisi e Canzoni; dodici albi di Goscinny e Uderzo in un formato che, seppur più piccolo dell’originale, non intacca bellezza e leggibilità delle tavole.
Dopo il breve e parziale riepilogo arrivano le vere novità. La Magic Press di recente ha schiacciato sull’acceleratore proponendo le nuove edizioni di diversi volumi di Sin City, allettata dall’uscita nei cinema l’1 giugno dell’omonimo film diretto da Robert Rodriguez e da Frank Miller, l’autore del fumetto.
Non solo la casa editrice romana completerà la collana (composta da sette volumi e un art book) in tempi molto rapidi ma pubblicherà un’edizione economica del primo volume che costerà 5 euro e avrà il formato bonellide. Si tratta del primo volume di una nuova serie economica in b/n di libri di 200 pagine circa. Ancora non si conoscono i prossimi titoli ma si può ipotizzare che in caso di successo verranno proposti in questo formato ridotto altri titoli del Sin City di Miller (che anche in USA ha questo tipo di edizione). Un titolo che potrebbe rientrare in questo progetto è 100 Bullets perché è disegnato da Eduardo Risso, un autore che in b/n rende benissimo ed è conosciuto da molti lettori dato che alcuni suoi lavori sono stati pubblicati su Skorpio dell’Eura e recentemente - come già detto - è uscito Borderline della Free Books.
In questo sito c’è un’interessante accostamento fra le vignette del fumetto di Frank Miller e i fotogrammi del film.
Altra notizia su Sin City. Sono già stati annunciati il secondo e il terzo film della serie (ne abbiamo parlato qua). Nel secondo ci sarà l’adattamento del volume Una donna per cui uccidere mentre per il terzo film Miller scriverà una storia nuova di zecca appositamente per il grande schermo.
Infine altra notizia su Frank Miller. Ormai è risaputo che sta scrivendo un Batman disegnato da Jim Lee. Le due immagini di Batman e Robin usate in quest’articolo sono le due copertine del primo numero della collana Batman & Robin the Boy Wonder. Non c’è bisogno di dire che un fumetto di un personaggio con il quale Miller ha dato il meglio (Il Ritorno del Cavaliere Oscuro e Anno Uno) è attesissimo.
"BATMAN & ROBIN THE BOY WONDER" - DC COMICS
In casa Eura sono in corso gli ultimi preparativi prima dell’uscita del primo numero di Detective Dante il 26 giugno. Sono ormai pronti il n.1, intitolato Paradise City e disegnato da Elisabetta Barletta, la giovane autrice che ha esordito su John Doe, il n.2 di Cristiano Cucina e il n.3 illustrato da Werther Dell’Edera. Seguiranno Alessio Fortunato, Riccardo Burchielli, Walter Venturi, Italo Mattone, Simone Guglielmini e Giorgio Pontrelli, già disegnatore di un numero di Monster Allergy.
L’albo sarà anticipato da un numero 0 allegato ai mensili John Doe n.25 (in uscita il 7 giugno) e Dago n. 6 (in edicola dal 14 giugno) e al settimanale Skorpio n.23 (in edicola dal 9 giugno).
Va sottolineata la particolare scelta grafica per le copertine che avranno sempre degli strilli che richiamano le vecchie riviste pulp.
La Bonelli potrebbe decidere di sfruttare il clamore e l’onda lunga generati da Brad Barron e lanciare presto una seconda serie. Ormai è da molto che sono in cantiere il noir di Pasquale Ruju, una terza miniserie misteriosa di cui ancora non è stato anticipato nulla (né il genere né lo scrittore) e soprattutto i Romanzi Disegnati, una collana di volumi autoconclusivi (in pratica è una nuova versione dell’antica Un uomo un’avventura che in passato ha dato capolavori di Pratt, Crepax, Toppi e molti altri) ricchissimi di pagine e in formato bonelliano.
E' in lavorazione un romanzo a fumetti fantasy scritto da Vietti ed Enoch e disegnato da Giuseppe Matteoni (visto in passato sull'ormai defunto Intrepido) il cui titolo dovrebbe essere "Dragonero". Un altro Romanzo disegnato sarà scritto da Enoch e disegnato da Andrea Accardi.
In attesa delle novità ricordiamo che è ormai imminente il passaggio di Martin Mystère alla bimestralità e alle 160 pagine. Il detective dell’impossibile sarà anche protagonista di uno speciale estivo che si preannuncia interessante perché esplora la possibilità che Lovecraft, noto sedentario, abbia fatto un viaggio in Italia. Su questa ipotesi è in lavorazione anche un film (senza Martin Mystère). Nel blog dell’Elite trovate tutti i dettagli.
La Play Press fa una sorpresa ai lettori con il mensile Superman Magazine che nei primi due numeri conterrà il primo arco narrativo della serie Superman/Batman di Loeb & McGuinness.
Ci sono altre novità:
- verso settembre-ottobre arriverà un volume contenente la ristampa di un arco narrativo che abbiamo serializzato su DC Universe. E' probabile che si tratti di Superman: Birthright.
- Batman e Superman se ne andranno dalla rivista antologica DC Universe. In futuro (ottobre, n. 21) nel sommario ci saranno JLA: Classified, Adam Strange e Green Lantern.
- Batman: Long Halloween di Loeb e Sale potrebbe vedere la luce nel 2006. Inoltre verso la fine dell'anno arriverà un'altra ristampa attesissima dai lettori. Pensiamo che si tratti di Arkham Asylum di Grant Morrison e Dave McKean.
Voglio concludere dando spazio ad alcune notizie che sono legate ai fumetti pur non trattandosi di anticipazioni sugli albi che andranno in stampa.
Per prima cosa è un piacere ricordare che lo scorso 26 aprile è stata conferita a Sergio Bonelli la Laurea ad honorem in Scienza delle Comunicazioni da parte dell’università La Sapienza di Roma.
Sul fronte dei fumetti sul grande e piccolo schermo va detto che non c’è solo Sin City. Sono in arrivo due film e un cartone animato che si preannunciano molto interessanti: lo scontato Batman Begins, Una storia violenta di David Cronenberg (dal fumetto di Wagner e Locke pubblicato da Magic Press) e infine il cartone animato Piccolo Vampiro, scritto da Joann Sfar (cioè l’autore del fumetto, pubblicato in Italia da Kappa Edizioni. Nel nostro sito potete leggere un’interessantissima intervista a Sfar).
Segnaliamo questa bella iniziativa benefica a favore di Emergency lanciata dallo staff di Made In U.S.A., la storica fanzine sul fumetto che ora rivive sul web ed (in parte) anche su Fumetti di Carta.
Lo staff di Made in USA vende all'asta su E-BAY qualche set completo degli ultimi quattro numeri di MADE IN U.S.A. (e precisamente quelli dal numero 7 al 10), che presentarono uno dei primi fumetti di Rat-man di Leo Ortolani, "LAST FANTASTIC FOUR STORY" rimasta poi completamente indedita (ma disponibile sul sito www.rat-man.it), oltre alla prima edizione di "Rat-Man: dal futuro" disegnata su strips orizzontali, e pertanto ugualmente originale e mai ristampata. Come detto il ricavato sarà devoluto a favore di Emergency. Trovate qua i link delle aste su e-bay
C’è da parlare anche di una divertente causa legale che il re di Spagna ha minacciato alla Marvel. Secondo il sito del quotidiano spagnolo La Vanguardia il re di Spagna Juan Carlos ha incaricato i suoi avvocati di chiedere alla Marvel la rimozione dal suo sito della copertina di The Pulse: House of M, albo che dovrebbe uscire in giugno. Al re non è piaciuta l'idea di fare da modello per un personaggio criminale che si presenta come re dei mutanti. La copertina firmata da Mike Mayhem è completamente ricalcata da una foto in cui il re è in posa con l'uniforme di gala. La Marvel ha un brutto rapporto con le famiglie reali: in passato era seriamente intenzionata a pubblicare una saga di X-statix di Milligan e Allred in cui compariva la principessa Diana ma la dirigenza della casa editrice ha deciso all'ultimo di costringere gli autori a modificare il fumetto per evitare spiacevoli conseguenze.
Ancora una causa, ancora la Marvel. Si è conclusa la causa che vedeva contrapposta la Marvel al suo più popolare creatore, Stan Lee: Lee infatti chiedeva che gli fosse versato il 10% dei profitti fatti dalla Marvel sui film sui personaggi di sua ideazione. Alla fine si è giunti ad un compromesso e la Casa delle Idee dovrà versare a Stan la ragguardevole cifra di 10 milioni di dollari.
Fumetti significa anche mostre sui fumetti. La più importante in questo periodo è la personale di Hugo Pratt ma ce ne sono altre, tutte segnalate nel Calendario delle mostre.
Per finire una lite fra Alan Moore e DC Comics/Warner che si conclude con la fuga del Sommo dalla Wildstorm e la pubblicazione di League of extraordinary gentlemen III da parte della Top Shelf. Dal blog dell’Elite: “Moore, dopo la brutta esperienza avuta con la produzione di LXG (dove dovette rispondere personalmente ad una causa legale che era invece elgata più ai personaggi che aveva aggiunto la produzione del film), l'autore inglese aveva dichiarato di non volere avere più nulla a che fare con le pellicole tratte dalle sue opere. Cosa che aveva prontamente ribadito a Larry Wachoski, che ha appunto scritto insieme al fratello la sceneggiatura per l'adattamento di V For Vendetta. Nonostante questo Joel Silver, produttore esecutivo del film ha citato Moore nella conferenza stampa di Berlino, inventandosi di sana pianta che lo scrittore inglese fosse entusiasta della sceneggiatura, una balla che Moore ha dimostrato di non gradire per nulla. L'autore inglese ha comunque anche sparato a zero anche sulla sceneggiatura definendola "Imbecille" e "piena di buchi" e lamentandosi per alcune scelte di adattamento dai termini inglesi a quelli americani.”
E sempre dal blog dell’Elite: “Alan Moore non ha minimamente gradito quanto detto da Joel Silver nella conferenza stampa di presentazione a V For vendetta e ciò ha portato ad una nuova, e probabilmente insanabile, frattura con la DC Comics, visto che la proprietà della casa di fumetti è la Warner Bros, che sta ovviamente producendo anche la pellicola. E' comunque giusto riportare come Paul Levitz, EIC della DC, abbia fatto di tutto per risolvere il problema chiedendo personalmente scusa all'autore inglese e tentando, invano, di convincere i capi della Warner a fare lo stesso. Il risultato di questa frattura è che Moore si porterà con sè l'ultimo progetto per la ABC, ovvero la già annunciata terza miniserie de La Lega degli Straordinari Gentlemen, intitolata Dark Dossiers. Il fumetto verrà pubblicato quindi da una joint venture formata dalla casa editrice americana Top Shelf e dalla inglese Knockabout. Cambierà formato e modo di pubblicazione (inizialmente doveva essere una storia pensata direttamente per l'edizione in volume) ed uscirà con parecchi mesi di ritardo. Sicuramente un brutto colpo a livello di immagine per la DC, che così perde anche uno dei sicuri top-seller del mercato dei paperback.”
Con questo è tutto. Appuntamento nel prossimo articolo sulle novità fumettistiche e nel blog di FUMETTIdiCARTA.
Luigi Siviero